La scrittrice che ha trollato i pirati

Inondando la rete di Pdf incompleti del proprio ultimo libro, li ha obbligati a comprare quello vero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-11-2017]

scrittrice troll pirati

Sono passati quasi 10 anni da quando Paulo Coelho si è guadagnato la definizione di "scrittore che pirata sé stesso".

Allora, Coelho sosteneva che la pirateria facesse bene alle vendite: lo provava il fatto che, mettendo egli stesso a disposizione online copie digitali delle proprie opere aveva visto crescere in maniera molto significativa il numero di copie vendute.

Quanto possono essere cambiate le cose da allora? Secondo la scrittrice Maggie Stiefvater, sono cambiate molto. La pirateria, oggigiorno, sarebbe davvero fatale per le vendite.

L'autrice, nota soprattutto per il cosiddetto "ciclo dei Raven Boys", ha dato il via alla discussione con un tweet, in cui spiegava a un affezionato lettore - ma non acquirente - che il cofanetto di quel ciclo era stato progettato ma poi annullato proprio a causa della pirateria.

Come sovente accade sui social network, l'interazione è presto diventata confusa, e così la Stiefvater ha deciso di riordinare per bene la propria visione in merito, illustrandola in un post su Tumblr.

La scrittrice racconta di essersi inizialmente interessata alla pirateria editoriale quando ha notato che le vendite del terzo libro del ciclo dei Raven Boys erano di molto inferiori a quelle dei primi due.

È un fenomeno che può capitare, in linea di massima. Ma il dettaglio curioso consisteva nel fatto che a essere diminuite in maniera importante erano soprattutto le vendite di e-book.

Sondaggio
Che cosa guardi o ascolti più spesso in streaming?
Video musicali
Televisioni online
Musica
Radio online
Film
Serie Tv
Eventi in diretta (partite, concerti ecc.)

Mostra i risultati (1344 voti)
Leggi i commenti (6)

L'editore non pensava che la colpa fosse della pirateria e così, per convincerlo e dimostrare la propria tesi, insieme al fratello Maggie Stiefvater ha ideato una trappola per i pirati.

Al momento dell'uscita del quarto libro (The Raven King), ha inondato la Rete di false copie pirata: in realtà si trattava di un file Pdf composto da un numero di pagine identico a quello del libro reale, ma contenente soltanto i primi quattro capitoli ripetuti continuamente.

L'operazione è andata così bene che nei vari forum gli utenti hanno iniziato subito a lamentarsi di non riuscire a trovare una copia pirata "corretta" del libro, e pertanto avevano dovuto a malincuore acquistare una copia legale su Amazon.

Grazie allo stratagemma, le vendite degli ebook sono immediatamente risalite, e anche quelle delle versioni cartacee ne hanno beneficiato: anzi, l'impossibilità di trovare una versione digitale illegale deve aver sconvolto a tal punto i pirati che essi sembrano aver deciso che, se erano comunque obbligati a spendere, tanto valeva possedere una copia fisica. E pertanto la prima stampa è andata esaurita in appena due giorni.

Sul lungo periodo, naturalmente, copie illegali dell'intero libro hanno iniziato ad apparire in Rete e a soppiantare le copie troll ideate dalla scrittrice, ma a quel punto l'obiettivo era stato raggiunto: «la pirateria» - conclude Stiefvater - «ha delle conseguenze».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il malware che si diffonde col software pirata
Paulo Coelho e altri 10mila artisti supportano The Pirate Bay
Paulo Coelho e altri 5.000 artisti supportano The Pirate Bay
Lo scrittore sconosciuto che ha venduto un milione di e-book
Paulo Coelho, lo scrittore che pirata sé stesso

Commenti all'articolo (1)

Bella mossa quella della scrittrice, geniale direi.
11-11-2017 16:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2532 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 ottobre


web metrics