Localizzare uno smartphone anche a GPS spento si può



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-01-2018]

localizzare smartphone

Vi racconto una storia d'informatica un po' inquietante per chiudere l'anno del Disinformatico radiofonico perché credo che sia un ottimo esempio di come dati di per sé apparentemente innocui possono essere aggregati per ottenere informazioni sensibili e di come dobbiamo essere quindi molto attenti a quali dati lasciamo in giro.

Sappiamo tutti che uno smartphone sul quale sono attivi i servizi di localizzazione (GPS, soprattutto) è localizzabile da qualunque società commerciale che gestisca una delle app alle quali avete dato i permessi di tracciamento.

Sappiamo inoltre che anche a GPS spento gli operatori telefonici, le forze dell'ordine e i servizi di soccorso sono in grado di localizzare qualunque telefonino acceso. Molti utenti sono convinti che per evitare il tracciamento commerciale (o da parte di un partner ficcanaso) basti disattivare la localizzazione nelle impostazioni del dispositivo. Non è così.

Alcuni ricercatori della Princeton University hanno creato un'app dimostrativa, chiamata PinMe, che consente di tracciare un telefonino anche a GPS spento, usando soltanto i dati raccolti dai vari sensori presenti nello smartphone (iOS o Android).

La loro ricerca, pubblicata presso il sito dell'IEEE (PinMe: Tracking a Smartphone User around the World, accessibile a pagamento ma riassunta da Naked Security) mostra come i dati del barometro, dell'altimetro, del giroscopio, dell'accelerometro, del magnetometro e dell'orologio presenti nello smartphone siano sufficienti a determinare dove si trova un utente se li si aggrega e confronta con i dati pubblicamente disponibili.

Sondaggio
Che cosa hai fatto almeno una volta nella vita in una cabina telefonica?
Mi sono spogliato e cambiato.
Ho fatto pipì.
Ho fatto l'amore (con un uomo, una donna o da solo).
Mi sono limitato a ripararmi per la pioggia.
Ho telefonato, ma usando il cellulare.
Ho fatto degli scherzi telefonici rimanendo anonimo.
Da teppista l'ho danneggiata.
Ho telefonato senza pagare.
Ho fatto delle banali telefonate, niente di più.

Mostra i risultati (4130 voti)
Leggi i commenti (23)

Per esempio, l'accelerometro consente di capire il tipo di movimento: se è lento e oscillante, l'utente sta camminando. Se è più veloce e fa svolte a 90 gradi, l'utente sta andando in auto, in moto o in bici. Velocità superiori e curve ampie indicano l'uso di un treno o di un aereo. Se il barometro indica una pressione ridotta è un aereo.

Incrociando per un po' di tempo i dati di pressione atmosferica con il fuso orario rilevato dal telefonino, con i dati pubblici di altimetria e con l'orientamento della bussola è possibile circoscrivere rapidamente la zona in cui può trovarsi l'utente. A ogni svolta, per esempio, si riduce il numero di strade corrispondenti al percorso coperto. Durante una dimostrazione, i ricercatori hanno notato che bastano dodici svolte per sapere esattamente dove si trova l'auto nella quale l'utente si sta spostando.

I rimedi sono pochi. A parte la scelta drastica di smettere di usare uno smartphone e tornare a un telefonino classico, si può provare a togliere ogni app che non si usa più e a non installare app di dubbia provenienza. I ricercatori consigliano ai produttori di imporre ai sensori dei limiti alla frequenza con la quale raccolgono dati quando sono inattivi e di aggiungere degli interruttori fisici ai dispositivi, in modo da consentire di spegnere con certezza i sensori non utilizzati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

@zero Confermo quanto detto da Maary79 almeno da Android 7 è possibile gestire le autorizzazioni per singola app su tutti i dispositivi Android quindi è possibile disattivare selettivamente gli accessi delle app a determinati servizi. Ovviamente tali app possono perdere funzionalità o smettere del tutto di funzionare se non vengono... Leggi tutto
5-1-2018 16:58

In realtà, oltre ad alcuni terminali che lo hanno di default (p.es. Huawei, vedi il post di Maary79) sugli smartphone Android si può installare un firewall anche senza avere i permessi di root. P.es. io utilizzavo Netguard, uno dei pochi gratuiti che funziona anche con IPv6 (usato dal 4G) e che permette di bloccare anche le app di... Leggi tutto
3-1-2018 12:03

{Maurizio}
Sul mio smartphone per risparmiare sul traffico accendo la connessione dati solo quando ne ho bisogno. Per le mie modeste conoscenze, la tracciatura tramite triangolazione delle celle telefoniche a cui sono agganciato, non permette una risoluzione della posizione migliore del centinaio di metri. E'corretto? Ah! Con l'occasione,... Leggi tutto
3-1-2018 10:25

{michele}
Sono molto perplesso, quel che propongono è sostanzialmente un sistema di navigazione inerziale.Dedurre uno spostamento da un accelerazione e senza introdurre errori inaccettabili mi risulta essere un impresa titanica (per non dire irrealizzabile).
2-1-2018 22:00

@zero Dipende dal telefono. Il mio lo può fare. Posso togliere il permesso della rete ad app, senza root, sia di sistema (Huawei e Google), che scaricate. Ovviamente alcune poi non funzioninano più o ti richiedono quel permesso prima di poterle usare.
2-1-2018 20:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è secondo te il problema principale dei call center?
Tempi di attesa troppo lunghi
Mancanza di coordinamento tra settore tecnico e amministrativo
Personale scortese
Personale incapace
Personale capace, ma non addestrato adeguatamente

Mostra i risultati (3531 voti)
Novembre 2019
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Tutti gli Arretrati


web metrics