Ransomware di massa o mirato?

Le principali minacce alla sicurezza che vedremo nel 2018



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-01-2018]

ransomware2

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Le principali minacce alla sicurezza che vedremo nel 2018

Stiamo assistendo a una rapida crescita degli attacchi ransomware di massa e il trend proseguirà nei prossimi 12-24 mesi. La crescente disponibilità di cripto-valute offre ai criminali la possibilità di portare avanti i loro attacchi di massa in totale anonimato.

Chiedendo un riscatto relativamente modesto a un gran numero di vittime, i criminali possono giocare una sorta di lotteria che aumenta la probabilità di ricavare un profitto rimanendo anonimi.

La comparsa di nuove cripto-valute, più anonime dei Bitcoin, darà ulteriore impulso a questo trend e la modesta entità del riscatto farà sì che le vittime siano più disposte a pagare.

All'opposto, gli attacchi mirati comportano uno sforzo consistente per penetrare all'interno di entità grandi e spesso ben protette. Per andare a buon fine, un attacco mirato richiede diverse ore di ricerche e di attacchi per la messa a punto del metodo.

Col ransomware di massa, i criminali possono stendere una vasta rete e aspettare che le vittime abbocchino. Gli attacchi mirati comportano un maggior rischio di dovere comunicare con le vittime, aumentando la probabilità di essere intercettati dalle forze dell'ordine.

Poiché le piccole organizzazioni continuano a pagare i riscatti, il ransomware di massa è diventato epidemico e il fenomeno non si sgonfierà presto.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Ransomware, minacce avanzate e attacchi multivettore

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)


Il ragionamento di hereiam20 mi ha fatto venire in mente quanti uffici pubblici, e non, comprese banche, usano ancora Windows XP, fuori supporto dal 2014. I nostri dati personali, in mano a chi potrebbe essere hackerato, con molta (troppa) facilitÓ, anche grazie alla cattiva informatizzazione dei dipendenti.
6-3-2018 14:19

@ Cesco67 OT? Non credo proprio: si sta parlando di sicurezza online e del relativo comportamento degli utenti... nessuno mai che si ricordi di parlare del comportamento becero di quelli che dovrebbero e tutelare e dare il buon esempio... :shock:
6-3-2018 10:54

@ hereiam20 Direi che sei piuttosto OT...
5-3-2018 14:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Comparati ai rapporti "offline", pensi le amicizie e le frequentazioni online siano generalmente...
Pi¨ profonde
Meno profonde
Ugualmente profonde
Non saprei

Mostra i risultati (395 voti)
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 settembre


web metrics