iPhone X a 429 euro? Un miraggio

Buoni carburante a metà prezzo e altro ancora, ma è un meccanismo piramidale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-01-2018]

ponzi scheme1

Vendono iPhone X a 429 euro, buoni carburante a metà prezzo, pacchetti viaggio del valore di 1.500 euro a 650 euro. E tanto altro ancora, ma non c'è da fidarsi. Il meccanismo di vendita sul sito di commercio elettronico dueamici.it è il seguente:

- l'utente intende comprare, ad esempio, un iPhone X, il cui prezzo di mercato è di euro 1.189;

- sul sito dueamici.it trova il bene al prezzo, estremamente vantaggioso, di euro 429;

- il bene, acquistato e pagato dall'utente, non viene consegnato subito ma viene, in qualche modo, "prenotato";

- il consumatore, dopo aver pagato, viene inserito in una "lista" composta di tutti gli acquirenti. Il prodotto sarà effettivamente consegnato solo quando altri acquirenti successivi ne avranno "completato" il prezzo di acquisto indicato dal sito. Nel caso dell'iPhone X il prezzo indicato sul sito è di euro 1.287.

Chi non vuole attendere il "completamento" del prezzo, può "riscattare" il prodotto e riceverlo subito, pagando (nel caso dell'esempio) 1.287 euro, cioè 100 euro in più rispetto al prezzo di mercato.

Sondaggio
Qual è il motivo che ti spinge maggiormente (oppure no) ad acquistare online?
La facilità di acquisto
La presenza di maggiori sconti e promozioni
La possibilità di evitare i centri commerciali
Una più ampia visibilità delle promozioni in corso
La possibilità di valutare tutte le opzioni
Poter acquistare anche all'ultimo momento

Mostra i risultati (2083 voti)
Leggi i commenti (12)

Tramite questo meccanismo la società Due Amici Srls, che gestisce il sito di commercio elettronico Due Amici.it, ottiene un duplice vantaggio economico. In primo luogo, trattiene per un tempo non determinabile le somme pagate dagli acquirenti, ottenendo così un prestito a tasso zero.

Ad oggi, infatti, gli importi pagati da acquirenti che non hanno ricevuto il prodotto, e già nelle casse della società, ammontano a euro 1.810.507. Per arrivare a "completare" il prezzo di tali ordini, dovrebbero essere versati da successivi acquirenti euro 5.431.764.

A loro volta, questi ultimi acquirenti dovrebbero attendere che altri consumatori dopo di loro paghino oltre 15 milioni di euro, per ricevere la consegna del bene.

E' allora evidente che si tratta di meccanismo piramidale nel quale quanto più si "allarga" la base di acquirenti, tanto meno probabile è l'effettiva spedizione del bene acquistato da parte degli ultimi soggetti acquirenti.

Plausibilmente, l'intera attività raggiungerà un punto di non ritorno, nel quale gli importi da corrispondere da parte di altri utenti saranno così alti da diventare insostenibili, avendo come conseguenza il fallimento della società e l'impossibilità, per chi ha versato un anticipo, di ottenere indietro il proprio denaro.

Ancora, in ogni caso, la società guadagna da ogni singola vendita alla quale sia effettivamente seguita la spedizione del bene, posto che indica come prezzo finale del bene stesso (il cosiddetto "prezzo da completare", l'importo di euro - nel caso dell'iPhone X - 1.287 a fronte di un costo dello stesso sul mercato di euro 1.189, così guadagnando su ogni consegna euro 98.

Leggendo le condizioni di contratto, poi, si scopre che l'esercizio del diritto di recesso è consentito entro 14 giorni dalla data di acquisto, e non - come prevede il Codice del consumo per i contratti di acquisto di beni - entro 14 giorni dalla consegna del prodotto.

Si tratta di una clausola chiaramente illegittima, ma il consumatore non lo sa e quindi, una volta pagato il prezzo si sente in gabbia e crede di avere due sole alternative: attendere il "completamento" del prezzo oppure pagare l'oggetto a un prezzo superiore a quello di mercato, vanificando così il vantaggio che lo aveva indotto ad effettuare l'acquisto su dueamici.it.

Aduc, su segnalazione di un utente ha denunciato la pratica commerciale scorretta dell'Antitrust, chiedendo che l'Autorità intervenga con urgenza a sospendere l'attività del sito.

A cura di Emmanuela Bertucci, legale, consulente Aduc

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Fuffa è e fuffa rimane.
28-1-2018 19:26

"Plausibilmente, l'intera attività raggiungerà un punto di non ritorno". Non plausibilmente, ma sicuramente, al 100%, perché anche se avessero un enorme successo e diventassero loro clienti tutti gli uomini al mondo, da chi andrebbero per continuare la catena? Si rivolgerebbero agli alieni? A meno che la maggior parte dei... Leggi tutto
27-1-2018 09:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
È la solitudine che spinge le persone a usare "più tecnologia".
È l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1328 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics