''La pirateria musicale fa bene alle vendite, ma solo per i gruppi emergenti''

Danneggerebbe invece gli artisti famosi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-01-2018]

pirateria musicale

Il dibattito circa gli effetti della pirateria sull'industria musicale è aperto ormai da anni, e una conclusione chiara finora non è stata raggiunta.

Da un lato ci sono quanti affermano che i pirati, scaricando illegalmente brani che altrimenti dovrebbero acquistare, danneggiano gli artisti; dall'altro ci sono coloro che ribattono che la diffusione via Internet dei brani è una forma di pubblicità che finisce per beneficiare le vendite.

Una parola autorevole arriva ora da Jonathan Lee, autore di uno studio frutto di oltre due anni di lavoro e intitolato Purchase, pirate, publicize: Private-network music sharing and market album sales (Compra, pirata, pubblicizza: la condivisione di musica su reti private e le vendite degli album).

Lee si è basato sui dati ottenuti da un tracker BitTorrent privato, che riguardano 250.000 album musicali e oltre 5 milioni di download, e li ha incrociati con quelli relativi alle vendite negli Stati Uniti forniti da Nielsen SoundScan.

Sondaggio
Questo sondaggio è stato visto sul sito di un ristorante a domicilio: Qual è il motivo principale per cui hai fatto un ordine nel nostro ristorante online?
Ho cliccato su un annuncio o un banner pubblicitario.
Avevo un coupon o un buono sconto.
Me l'ha raccomandato un amico o un parente.
Me l'ha suggerito un collega di lavoro.
Avevo già ordinato qui e mi ero trovato bene.
Dalle immagini i piatti proposti sembravano appetitosi.
Altro, specificare --> "AVEVO FAME"

Mostra i risultati (511 voti)
Leggi i commenti (7)

I risultati sono molto interessanti, soprattutto in quanto non sono univoci. Infatti, la conclusione è che la pirateria favorisce le vendite degli artisti «di livello medio» (ossia quelli emergenti o comunque non troppo famosi) mentre danneggia quelle dei musicisti di maggior calibro.

Tali effetti si riscontrano sia considerando le vendite di Cd che considerando quelle di brani digitali, ma sono decisamente più pronunciati nel secondo caso: «Ciò» - afferma Lee - «è coerente con l'idea che la gente sia più portata a passare dalla pirateria digitale alle vendite digitali che dalla pirateria digitale ai Cd fisici».

I dati di Lee sono peraltro confermati dalle testimonianze di alcuni degli artisti stessi, come per esempio Ed Sheeran.

Sheeran ha onestamente ammesso che, quando ancora cercava di farsi conoscere, proprio la pirateria musicale l'ha aiutato nel raggiungere la fama: «So che è una cosa brutta da dire, dato che faccio parte di un'industria musicale che non ama il file sharing illegale. Ma è proprio il file sharing illegale che mi ha reso quel che sono. Devo ringraziare gli studenti universitari inglesi che condividevano tra loro le mie canzoni».

Oggi, naturalmente, la posizione di Ed Sheeran è cambiata: il successo internazionale ha fatto sì che oggi sia diventato uno di quegli artisti che sono danneggiati dalla pirateria.

Tutto ciò, in ogni caso, mostra che se si vuol fare il bene dell'industria musicale non esiste un'unica soluzione.

«Una chiusura totale delle reti private di condivisione dei file» - sostiene Lee - «pare essere troppo costosa (considerato il relativamente piccolo impatto sulle vendite) e poco saggia (in quanto sarebbe una politica unica applicata a situazioni diverse). Sarebbe meglio rendere più conveniente la fruizione legale, riducendo l'attrattiva della pirateria quale alternativa all'acquisto».

«Sarebbe inoltre intelligente» - continua lo studioso - «rilasciare la musica sulle reti pirata, soprattutto da parte degli artisti emergenti, in modo simile alle promozioni gratuite fornite dalle radio commerciali».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sedicenne arrestato, gestiva sito di pirateria Tv
La scrittrice che ha trollato i pirati
Lo studio sulla pirateria insabbiato dalla Commissione Europea
Studio UE: la pirateria aumenta le vendite di videogiochi
Lo sviluppatore che regala i codici dei suoi giochi su The Pirate Bay
Mpaa: bisogna educare i bambini italiani a odiare la pirateria
Ex attrice a luci rosse chiama in causa i pirati
La pirateria musicale è viva e vegeta, nonostante lo streaming
Major dovrà risarcire il ''pirata'' accusato ingiustamente
''Gestori siti pirata sono come spacciatori di droga''
Neuropsichiatri scoprono perché i pirati dell'Internet non si sentono colpevoli
David Guetta: ''La pirateria mi fa guadagnare''

Commenti all'articolo (1)

Condivido e aggiungo anche meno difficoltosa, farraginosa e anche meno penalizzante poiché, a volte, anche brani o film legalmente acquistati diventano inutilizzabili causa paturnie dei sistemi di DRM. Leggi tutto
3-2-2018 14:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5098 voti)
Gennaio 2020
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Tutti gli Arretrati


web metrics