L'opensource compie 20 anni: breve storia dell'espressione che ha cambiato l'informatica

Tutto iniziò con Netscape.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-02-2018]

Open source 20 anni

L'open source ha compiuto vent'anni: tanti ne sono passati infatti dal rilascio del codice di Netscape Communicator e dalla coniazione dell'espressione open source.

Il concetto è naturalmente più vecchio. Anzi, si potrebbe dire che sia nato con la nascita dell'informatica stessa: come Richard Stallman non si stanca di ripetere, all'alba dell'era dei computer scambiarsi il codice sorgente era pratica normale.

Solo in seguito nacque l'usanza di custodire gelosamente i sorgenti e distribuire soltanto i binari, così da mantenere un controllo pressoché esclusivo sui software (con l'obiettivo neanche troppo nascosto di vendere a caro prezzo detti software).

Tutto ciò diede origine, per reazione, al movimento del free software, capeggiato proprio da Stallman, che tentò di opporsi al nuovo corso sottolineando senza posa la libertà (di eseguire, di studiare, di ridistribuire, di migliorare il programa) che dovrebbe stare alla base dello sviluppo del software.

Sondaggio
Qual è il tuo linguaggio di programmazione preferito?
C
Java
PHP
JavaScript
C#
Visual Basic .NET
C++
Perl
Python
Ruby

Mostra i risultati (2207 voti)
Leggi i commenti (18)

Free Software, che in italiano traduciamo generalmente come Software libero è però un'espressione problematica in inglese: dato che free significa sia libero che gratuito, le aziende hanno sempre visto il free software con sospetto, ritenendo che implicasse l'impossibilità di guadagnare da esso.

In realtà, Stallman e soci hanno sempre posto l'accento sulla libertà, e non sulla gratuità del software: ma è stato difficile farlo capire a quanti vedevano lo sviluppo dei programmi principalmente come una sorta di gallina dalle uova d'oro, proprio a causa della confusione linguistica.

È in questo scenario che, il 3 febbraio 1998, Eric Raymond e Christine Peterson decidono di usare un'espressione diversa per indicare la possibilità di utilizzare liberamente il codice di Netscape: open source.

Con essa è immediatamente chiaro che l'accento va sull'accesso indiscriminato al codice sorgente (open source significa proprio sorgente aperto), anche se, rispetto a free software, passa un po' in secondo piano il concetto di libertà.

La dicitura Open source nasce dalla mente di Christine Peterson; poi, in un incontro del 5 febbraio 1998, viene avallata anche da Todd Anderson, iniziando a farsi conoscere e a raccogliere consensi.

Queste persone che appoggiavano l'idea del "sorgente aperto" - ricorda Christine Peterson - «erano alcuni dei leader più importanti della comunità, e a loro il nuovo nome piaceva, o per lo meno non erano contrari ad esso».

Nei giorni successivi nacque la Open Source Initiative, cui parteciparono nomi noti come Tim O'Reilly e Bruce Perens: infine, venne stesa la Open Source Definition e il termine iniziò a prendere piede.

Oggi è impossibile negare l'importanza del software open source e anche, a voler essere onesti, di tutto ciò che è nato dagli sforzi dei paladini del free software, tanto che spesso le due diciture vengono usate come se fossero interscambiabili.

Di solito, per rinforzare questa affermazione, si citano i server sparsi per il mondo che in buona parte eseguono Linux (forse uno degli esempi più famosi di successo dell'open source), ma non dobbiamo dimenticare che anche tutti gli smartphone Android in circolazione si basano proprio sul kernel Linux e quindi, in definitiva, sono frutto della politica dei "sorgenti aperti".

Tornando a dare un'occhiata al passato, non possiamo poi non ricordare come dal codice di Netscape siano nate la suite Mozilla prima e poi Firefox e Thunderbird, prodotti grazie ai quali riprese vigore alla guerra dei browser ed ebbe fine il tristo monopolio di Internet Explorer.

Questi sono solo alcuni esempi, e i più famosi. Ma ciò ci dice che, sebbene il software closed source non sia certo prossimo all'estinzione, l'open source è qui per restare e crescere ancora.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il software che trasforma qualsiasi webcam in un Kinect
Il sistema operativo di Apple Lisa diventa open source
Windows 10 ora supporta OpenSSH
La console portatile completamente open source
Il primo smartphone con Linux davvero libero
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
Una petizione per rendere Flash open source
Il riconoscimento vocale completamente open source
The Pirate Bay diventa open source: chiunque può aprirne una
Microsoft ha un'arma letale contro Linux e l'open source
Open source: o con noi, o contro di noi

Commenti all'articolo (5)

{Paolo Del Bene}
Non dialogo con chi non si presenta con nome e cognome. Ad un buffone come: "King of Worms" non do alcun ascolto.
11-2-2018 20:15

{Paolo Del Bene}
Dal momento che eric raymond non è nel MOVIMENTO DEL SOFTWARE LIBERO, NON È DI ALCUN CONTRIBUTO PER FAR PROGREDIRE L'UMANITÀ. Sinceramente non rappresenta nulla! GNU'S NOT UNIX link[/url] invece serve a LIBERARE LE PERSONE DALLA SCHIAVITÙ CORPORATIVA esattamente comebsono ora! L'unico modello... Leggi tutto
8-2-2018 22:23

Per la correttezza della lingua inglese, dovremmo dire che "open" è aggettivo e "opened" è participio, dunque la scelta di "open" è corretta. Che poi "open source" e "free software" non coincidano è spiegato - seppur brevemente - anche nell'articolo, e l'open source non sparirà soltanto... Leggi tutto
8-2-2018 17:51

{Paolo Del Bene}
L'apri sorgente non esiste! Si apri sorgente! Per correttezza nella lingua italiana. Se volessimo dire aperto dovremmo dire: opened che si sono dimenticati chi ha voluto porre le basi del nulla. La open source definition link[/url] con I suoi punti, trae spunto dalla GNU GENERAL PUBLIC LICENSE VERSION 2... Leggi tutto
7-2-2018 21:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3635 voti)
Febbraio 2019
WinRAR, falla vecchia di 14 anni minaccia 500 milioni di utenti
Blu-ray in declino, Samsung cessa la produzione di lettori
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
Tutti gli Arretrati


web metrics