I sacchetti biodegradabili fatti con le alghe: si possono anche mangiare



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-02-2018]

sacchetto alghe commestibile

Il problema costituito dai sacchetti e in generale dagli imballaggi di plastica è noto e sentito: praticamente indistruttibili, sono un potente inquinante e finiscono con l'ammassarsi negli oceani. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale tra queste è l'invenzione più significativa nella storia dell'umanità?
la scrittura
la metallurgia
la ruota
l'esplosivo
le armi da fuoco
la macchina a vapore
l'elettricità
il treno
l'automobile
l'aeroplano
il telefono
la radio
il televisore
il computer

Mostra i risultati (7894 voti)
Leggi i commenti (21)
Per questo motivo nel corso degli anni sono state sviluppate delle alternative più adatte all'ambiente, con vari gradi di biodegradabilità.

L'indonesiana Evoware ha fatto però un ulteriore - e importante - passo in avanti: ha creato degli imballaggi che non soltanto sono biodegradabili, ma si possono addirittura mangiare.

Il segreto sta nel materiale di partenza utilizzato: le alghe, alcune varietà delle quali sono dopotutto considerate commestibili da secoli e fanno parte dell'alimentazione di diversi popoli.

L'imballaggio di Evoware è biodegradabile al 100% e ha una vita media di due anni; può essere stampato e anche termosaldato.

Evoware Seaweed

Una volta che ha esaurito il proprio compito può essere impiegato come fertilizzante naturale, ma può davvero anche essere semplicemente consumato, traendo così vantaggio dal suo contenuto in vitamine, fibre e minerali.

Di più: dato che è commestibile, può risparmiare la fatica di scartare certi prodotti.

Un hamburger avvolto in questo tipo di fogli protettivi può essere mangiato così com'è. Un piatto di noodle precotti può essere messo in acqua calda senza dover essere scartato preventivamente, come il video che riportiamo qui sotto dimostra.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple brevetta un sacchetto di carta
Raccoglie 250.000 euro per il cucchiaio commestibile
2050, più plastica che pesci nel mare
La stampante 3D che usa i fondi di caffè
I mattoni fatti di bottiglie riciclate
EcoBricks trasforma i rifiuti di plastica in edifici
La scuola costruita con le bottiglie di plastica
Una marea di plastica invade il Mediterraneo

Commenti all'articolo (3)

Anche senza bisogno di mangiarli il solo fatto di utilizzarli come fertilizzanti o, comunque, un tempo di decadimento nell'ambiente di 2 anni ne giustificherebbero il largo impiego. Ovviamente, come suggerito da @ilmanowar tutto dipende dalla competitività di costi con la plastica e, aggiungo io, anche dalla necessità che resistano... Leggi tutto
18-2-2018 11:13

sarà pure commestibile ... ma 'na bella carbonara n'è mejo ?
14-2-2018 13:25

Bella idea, proposta e riproposta in maniera simile, ma finché è più cara della plastica non sarà presa in seria considerazione. Ovviamente smette di essere commestibile quando è usata per separazione igienica, altrimenti viene meno il motivo per cui si usa un incarto o una busta di plastica.
14-2-2018 09:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (368 voti)
Agosto 2018
Renzi con Tim fece lo stesso di Conte con Autostrade
La branchia artificiale stampata 3D che ci permetterà di respirare sott’acqua
Voto elettronico, due undicenni violano il sistema in appena 10 minuti
LibreOffice 6.1 è più veloce che mai e dispone di nuove icone
Connettore Lightning dell'iPhone: l'UE si prepara a far piazza pulita
Diventare hacker con meno di 2 euro. Grazie alle offerte speciali del dark web
Edge si unisce a Firefox e Chrome per eliminare le password dal web
L'app che trasforma la scrittura dell'utente in font per Windows 10
Luglio 2018
Dopo Monaco, anche la Bassa Sassonia abbandona Linux per Windows
Come attivare la nuova interfaccia Material Design nascosta in Chrome 68
Google ridisegna Chome: arrivano le schede tonde
Xiaomi Mi A2 e Mi A2 Lite, chi ha detto che un buon smartphone deve costare tanto?
Android ha i giorni contati: Fuchsia OS lo soppianterà entro cinque anni
Google accusa la UE: Android rischia di non essere più libero
L'attacco che inganna il GPS con mappe false e manda fuori strada
Tutti gli Arretrati


web metrics