Apple si prepara ad abbandonare i processori Intel

Mac e MacBook avranno Cpu proprietarie.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-04-2018]

apple intel mac

C'è stato un tempo in cui i Mac erano diversi dai normali Pc non soltanto per il sistema operativo, ma anche per le scelte hardware, a partire dal processore. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è il componente del PC che aggiornerai per primo?
Scheda Wi-Fi
Mouse
Tastiera
Scheda audio
Hard disk
RAM
Schermo
Scheda video
Processore
Tutto il PC

Mostra i risultati (2940 voti)
Leggi i commenti (10)
Mentre quanti usavano Dos e Windows adoperavano processori CISC di Intel (o Cpu compatibili con l'architettura Intel nota come x86), Apple adoperava processori RISC costruiti da Motorola e IBM, la cui ultima incarnazione furono le Cpu PowerPC.

Poi, però, ci fu la grande conversione: anche Apple, pochi anni dopo l'avvento di MacOS X (oggi noto come macoS), iniziò ad adottare le Cpu Intel, che oggigiorno equipaggiano tutti i Mac, tanto che ormai i processori forniti a Apple costituiscono il 5% degli introiti annuali di Intel.

Tutto ciò starebbe però per cambiare. Secondo le indiscrezioni raccolte da Bloomberg, Apple starebbe lavorando per abbandonare Intel e iniziare a utilizzare, a partire dal 2020, processori progettati internamente per tutti i propri Mac.

Da anni, ormai, Apple usa Cpu proprietarie per la linea di prodotti mobile (come gli iPhone e gli iPad), e molti si sono chiesti se questa decisione non preparasse anche una transizione per i Mac e i MacBook.

Il piano di abbandono di Intel sarebbe per ora soltanto nelle primissime fasi - stando a Bloomberg - eppure il non lontano 2020 potrebbe già essere l'anno in cui i primi processori made in Apple equipaggeranno i Mac.

Sebbene al momento manchino le conferme ufficiali, la sola indiscrezione ha già avuto un certo effetto: non appena la voce si è diffusa, le azioni di Intel hanno subito un calo del valore pari al 6%.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{fiat1100d}
A chi scrive del 6502 come equipaggiante il primo Mac, veramente quelli erano sulla linea Apple II (e Apple IIgs per il 65816). I Mac e prima il Lisa erano già su 68k.
13-4-2018 20:02

{aldolo}
non capiterà tanto presto. i portatili li vendono solo perché ci gira anche windows.
13-4-2018 03:18

Direi che sia la strada più ovvia per Apple anche se può presentare qualche incognita. In ogni caso le incognite saranno mitigate dal fatto che l'ecosistema Apple è piuttosto chiuso e che una mossa di questo genere lo renderebbe ancora più chiuso e quindi meno soggetto a disturbi o perturbazioni da fattori esterni.
7-4-2018 15:25

{Paolo Del Bene}
Finalmente non si paga più il pedaggio ad INTEL, speriamo si vada nella direzione di cpu's RISC, IO SE FOSSI IN APPLE COMPUTER CUPERTINO.INC, PER QUEL CHE CONCERNE IL LATO COMPUTER, NE FAREI UNA VERSIONE SVANZATA SIMILARE AD ORACLE, SUN MICROSYSTEMS ED SGI MA "TRANSPUTER" CON SCHEDE AUDIO E VIDEO DI ALTA... Leggi tutto
5-4-2018 11:18

{Paolo Del Bene}
Non è vero che Apple Computer Cupertino.Inc ha usato solo cpu's RISC. I processori RISC sono entrati a far parte dei computers Macintosh, grazie all'accordo: APPLE-IBM-MOTOROLA nel 1991. Ma dal primo Macintosh Apple ha usato processori CISC MOS TECHNOLOGY 6502 poi i Synertek con il 6502A e 65C02, i Western Design Center 65C816 e 65816 e... Leggi tutto
5-4-2018 10:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te in quale settore si faranno sentire maggiormente gli effetti positivi dell'Agenda Digitale?
La comunicazione
La scuola
L'accesso alle informazioni e ai contenuti culturali
La modalità di interazione con la Pubblica Amministrazione
Il Servizio Sanitario
La qualità dell'ambiente e dell'aria
La qualità della vita
Il costo della vita
La vivibilità delle grandi metropoli con la creazione di Smart City
La trasparenza
Risparmi per lo Stato e per il cittadino
Riduzione del digital divide
L'Agenda... de che?

Mostra i risultati (1191 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 luglio


web metrics