Zuckerberg ammette: ''Leggiamo tutti i messaggi privati postati su Facebook''



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-04-2018]

facebook spia messaggi

Nell'intervista con la quale s'è scusato per gli scandali in cui Facebook è rimasto coinvolto di recente, a partire dalla fornitura impropria dei dati di 87 milioni di utenti a Cambridge Analytica, Mark Zuckerberg si è lasciato scappare un dettaglio interessante.

Assumendosi la piena responsabilità di quanto successo sulla sua piattaforma, il fondatore di Facebook ha toccato anche una questione originatasi in Myanmar.

Facebook - ha spiegato Zuckerberg - ha individuato uno scambio di messaggi «sensazionali» tra gli utenti di quel Paese, messaggi relativi alla tuttora calda questione dei Rohingya e che invitavano all'uso della violenza da ambo le parti coinvolte.

«È chiaro che ci sono persone che usano i nostri strumenti per incitare a causare danni reali» ha dichiarato Zuckerberg. «I nostri sistemi rilevano ciò che sta succedendo. E noi impediamo che questi messaggi arrivino a destinazione». L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Le proteste che hanno spinto Google a sospendere Street View in alcuni Paesi...
sono giuste: occorrono limiti più seri per salvaguardare la privacy.
sono ingiuste: Street View non danneggia affatto la privacy.

Mostra i risultati (2574 voti)
Leggi i commenti (7)
In sostanza, quindi, Mark Zuckerberg ha confermato ciò che si poteva anche sospettare: tutte le comunicazioni che passano attraverso Facebook Messenger vengono controllate dal social network, che ne determina i contenuti per decidere se siano lecite oppure no.

«Su Messenger» - ha poi spiegato un portavoce dell'azienda - «quando si invia una foto, i nostri sistemi automatici la sottopongono a scansione usando tecnologie di identificazione fotografica per rilevare immagini note di sfruttamento di bambini; oppure, quando si invia un link, lo controlliamo alla ricerca di malware o virus».

L'obiettivo di tale scansione è «fermare rapidamente i comportamenti violenti», non - sottolinea il portavoce - utilizzare i dati a fini pubblicitari.

Tuttavia, il caso del Myanmar indica con chiarezza che non si tratta soltanto di scansioni di foto e collegamenti: Facebook è in grado anche di riconoscere il contenuto dei messaggi e decidere se esso sia accettabile. Soltanto la parola di Facebook stesso ci garantisce che tutto ciò è fatto a fin di bene, e chi vuole credervi deve farlo sulla fiducia.

Ma al di là delle intenzioni, per gli utenti una cosa ormai dovrebbe essere chiara: nulla di ciò che si mette su Facebook, nemmeno i messaggi "privati" tra utenti, è davvero al riparo da occhi indiscreti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Zuckerberg al Congresso: sì, raccogliamo dati anche su chi non è iscritto a Facebook
Facebook: ''La crescita è tutto, anche a costo di uccidere''
Dopo lo scandalo tutti vogliono cancellarsi da Facebook. Vi spieghiamo come si fa

Commenti all'articolo (4)

{SGF}
Si sa che i social network sono così: macchine per far soldi in cui le persone sono 'merce' da schedare e rivendere a terzi. E sono proprio questi i motivi che mi abbiano spinto, da programmatore, a creare un progetto indipendente che rompesse questi schemi canonici, dando a tutti, invece, libertà di espressione,... Leggi tutto
17-4-2018 13:23

Se la gente si svegliasse un po sarebbe un ladro molto più squattrinato... :roll: Leggi tutto
11-4-2018 19:05

Sicuro, l'obiettivo non è quello di fare pubblicità mirata: questo è solo un utile effetto collaterale. E compiango chi abbia mai pensato che fosse mai stato possibile inviare messaggi "privati" su un qualsiasi social network.
9-4-2018 14:00

{paolo del bene}
Mark Zuckerberg: IL LADRO, LA MERDA UMANA
8-4-2018 12:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi grandi trend dominerà maggiormente il mercato dell'Information & Communication Technology nei prossimi due anni?
Cloud Computing
Mobility
Virtualizzazione
Sicurezza e Risk Management
Energy Efficiency
Business Intelligence
Big Data

Mostra i risultati (1385 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics