Facebook e Google, causa miliardaria per non aver rispettato il Gdpr

L'avvocato Schrems chiede 7,4 miliardi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-05-2018]

GDPR facebook google schrems

Il Gdpr, la nuova regolamentazione europea in materia di dati personali, è appena entrata in vigore e già c'è chi è pronto a far causa a Facebook e Google, accusandoli di non rispettarli.

Non si tratta di una causa pro forma: Max Schrems chiede 3,9 miliardi di euro a Facebook (insieme alle sussidiarie Instagram e WhatsApp) e 3,7 miliardi di euro a Google.

Se il nome di Schrems fa suonare qualche campanella è perché si tratta della stessa persona che sin dal 2011 dà voce a tutta la propria contrarietà verso le politiche di Facebook per quanto riguarda la privacy. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Il Garante Privacy ha istituito - ormai da anni - un servizio che in teoria dovrebbe tutelare la privacy dei cittadini iscritti, vietando ai call center di chiamare i loro numeri telefonici. Secondo la tua esperienza, il Registro delle Opposizioni funziona?
Sì. Sono iscritto e non mi scocciano praticamente mai.
Non lo so. Non sono iscritto.
No. Sono iscritto e continuo a ricevere telefonate con proposte commerciali.

Mostra i risultati (2449 voti)
Leggi i commenti (29)
Allora Schrems era soltanto uno studente di giurisprudenza. Oggi è un avvocato, e come tale rappresenta un certo numero di persone - rimaste anonime - nella più recente causa contro Facebook e Google.

Cuore della questione, secondo l'avvocato austriaco, è il fatto che, quando vengono loro presentate le nuove norme sulla privacy, gli utenti sono messi davanti a una scelta soltanto in apparenza: possono accettare le nuove regole oppure cancellare il proprio account.

«Non è una scelta libera» spiega Schrems. «Sembra più un'elezione nordcoreana».

Sia Facebook che Google non sembrano particolarmente impressionate dalle accuse: entrambe le aziende affermano di essersi preparate con attenzione al giorno dell'entrata in vigore del Gdpr, e di essere pertanto perfettamente in regola con la legge.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple vara il portale della privacy per scaricare tutti i dati personali
Zuckerberg chiede scusa alla UE, che non si accontenta e lo accusa di attentare alla democrazia
Gestire la privacy nell'epoca della personalizzazione
Il poliziotto della privacy obbligatorio dal 2018
L'Europa contro Facebook per salvare la privacy

Commenti all'articolo (2)

In fondo FB e Google non sono servizi vitali per cui una persona, nel caso non accetti le condizioni d'uso, rischi la vita. Semplicemente non può accedere a servizi per i quali ci sono delle alternative valide che, per ora, sembrano essere assai meno invadenti e coartanti in termini di privacy...
3-6-2018 16:11

Caro avvocato, e' chiaro che se non accetti le regole, non ti possono dare nessun servizio. Leggi tutto
29-5-2018 17:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'auto che si guida da sola... (completa la frase)
ci permetterà di sfruttare il tempo perso guidando, magari in coda.
ci toglierà l'ultimo brandello di privacy.
ci farà viaggiare più sicuri.
ci esporrà a nuovi pericoli, dovuti ai bug o agli attacchi degli hacker.
ci consentirà di ridurre l'inquinamento.
ci priverà dell'autonomia.
sarà accettabile solo se ci permetterà sempre di scegliere la guida manuale.
sarà sicura solo se non permetterà mai la guida manuale.

Mostra i risultati (5412 voti)
Settembre 2018
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura
Falla 0-day in Windows, i cybercriminali hanno iniziato gli attacchi
Volete tenere Windows 7? Il prezzo continuerà a crescere
Tor Browser 8.0, più facile da usare e più abile nell'aggirare la censura
Salvati dallo smartwatch: il monitoraggio della salute ha già salvato la vita a due uomini
iPhone XS e Apple Watch Serie 4, le prime foto trapelate in rete
Falla 0-day in Windows, ecco la correzione. Ma non proviene da Microsoft
Agosto 2018
Falla 0-day in Windows 10 consente di ottenere il controllo sul Pc
Tagliato fuori da Galileo, il Regno Unito si costruirà un proprio GPS
Black Hat 2018, svelata vulnerabilità imbarazzante
Windows 10 nasconde una versione "Universale" di Esplora File. Ecco come attivarla
Tutti gli Arretrati


web metrics