L'attacco che inganna il GPS con mappe false e manda fuori strada

Funziona con gli smartphone e i navigatori delle auto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-07-2018]

gps spoof false mappe

Se fino a oggi vi siete fidati ciecamente del GPS, ricercatori di vari istituti - da Microsoft Research al Virginia Tech - sono pronti a mettervi in guardia da questa cattiva abitudine.

Non tanto perché i navigatori - come sappiamo - possano sbagliare, ma perché confonderli e mandare chi si affida a loro nella direzione errata - con un vero e proprio attacco di hacking - non è poi difficile.

Con un apparato che cosa poco più di 200 euro è possibile infatti intercettare e falsificare il segnale GPS, sostituendo le mappe originali con quelle che i ricercatori hanno chiamato mappe fantasma.

I test, condotti in Cina con il navigatore integrato di una Ford Escape e quelli di due smartphone Android, hanno rivelato che il sistema funziona fin troppo bene.

Innanzitutto è stato adoperato un algoritmo che scansiona la mappa per replicarla e quindi inserirvi un luogo fantasma, senza che alcun avvertimento raggiunga il guidatore o quantomeno il sistema di navigazione.

Sondaggio
Qual è il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessità.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte è bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (3088 voti)
Leggi i commenti (21)

«L'algoritmo» - spiegano gli studiosi - «regola i segnali GPS inviati al dispositivo in maniera tale che le istruzioni di navigazione fasulle e i percorsi mostrati sulla mappa siano coerenti con le strade reali». Così diventa semplice condurre la vittima dove si vuole, senza che questa si accorga che qualcosa non va sinché non è troppo tardi.

Quando il sistema è stato messo alla prova nel mondo reale con 40 volontari, 38 di essi «hanno seguito le indicazioni di navigazione fino alle destinazione sbagliata».

Ciò che rende questa tecnica particolarmente efficace è infatti la sua assoluta trasparenza: le indicazioni non differiscono da quelle delle mappe vere, la disposizione delle strade è perfetta, e di svolta in svolta la vittima viene condotta dal suo carnefice.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il navigatore con realtà aumentata sul parabrezza
Seguono il GPS e finiscono in una chiesa
Il navigatore di Supercar

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

@Cesco67 E' da un po che circola ma fa sempre sbellicare... :lol:
23-7-2018 19:02

Mmmh, questo tipo di attacco, in realtà, esiste da quando hanno inventato i saldi e di solito è piuttosto efficace e non occorre un'attrezzatura sofisticata ma basta questo software :malol: :malol: :malol: Leggi tutto
21-7-2018 19:50

@Cesco67 Sì, si tratta del pdf. Hai ragione ho erroneamente scritto articolo anziché pubblicazione come era mia intenzione... sorry.
21-7-2018 16:48

Immagino sia il "famoso" pdf; in realtà io avevo letto solo l'articolo (e giusto per essere pignoli è ciò che hai citato...) Leggi tutto
21-7-2018 16:45

Direi che le probabilità che ciò accada, sono, ad oggi, ancora piuttosto basse... :wink:
21-7-2018 15:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (370 voti)
Ottobre 2018
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
Tutti gli Arretrati


web metrics