BitTorrent, il nuovo padrone vuole "incentivi finanziari" per i seeder più attivi

E a pagare saranno quelli che scaricano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-08-2018]

tron bittorrent ricompense seeder

Il mondo BitTorrent è, nella sua forma ideale, un mondo del tutto altruista: chi scarica un file contemporaneamente lo mette a disposizione degli altri utenti e, se quando ha completato il download tiene ancora aperto il client, contribuisce a facilitare lo scaricamento da parte degli altri.

C'è solo un piccolo problema: questo mondo ideale non trova pieno riscontro nella realtà. Generalmente, infatti, chi finisce di scaricare ciò che gli interessa chiude il client, si disconnette dalla rete BitTorrent e non vi ritorna sinché non ha bisogno di altro materiale.

Tron, il nuovo padrone di BitTorrent, è un'azienda che si occupa di criptovalute al punto da varare la propria, che si chiama ugualmente Tron.

Ebbene Justin Sun, fondatore di Tron, ha in mente di fondere i protocolli Tron e BitTorrent per dare vita a una nuova creatura che usi la criptovaluta per ricompensare i seeder, ossia coloro che hanno già finito di scaricare il materiale desiderato ma continuano a tenerlo a disposizione degli altri.

«Integrando la rete Tron in Bittorrent vogliamo potenziare l'esistente altruismo attuale» ha spiegato Sun. «Al momento non ci sono incentivi che spingano i peer che abbiano completato i download a trasformarsi in seeder. Noi intendiamo ricompensare i peer che tengono i torrent a disposizione degli altri, inserendo ulteriori risorse nell'ecosistema torrent».

Se viene pagato - ragiona Sun - l'utente sarà invogliato a condividere più a lungo, e ciò si tradurrà in un aumento della banda disponibile e download più veloci.

Ovviamente ci guadagnerà anche Tron, che grazie ai 100 milioni di utenti di BitTorrent «potrà superare Ethereum come numero di transazioni giornaliere e diventare la blockchain più importante del mondo» come spiega ancora il fondatore.

Sondaggio
Hai cambiato fornitore di banda larga (ADSL o fibra ottica) negli ultimi 5 anni?
Sì, una volta
Sì, più di una volta
No, ma lo farò nei prossimi 12 mesi
No, e non lo voglio fare

Mostra i risultati (1216 voti)
Leggi i commenti (5)

Ciò che a questo punto ci si chiede è: da dove spunteranno le risorse per pagare i seeder? Non dalla trasformazione dei client in software di mining che generano Tron, dato che l'ipotesi è stata scartata da Sun in persona.

La prospettiva più probabile - sulla concretezza della quale Sun preferisce però non soffermarsi troppo - è che a pagare saranno coloro che scaricheranno sfruttando la banda in più messa a disposizione dai seeder partecipanti al programma di ricompense. Non è ancora chiaro come ciò possa venir implementato a livello tecnico, ma l'idea è quella.

Tutto ciò sarebbe un drastico mutamento del panorama BitTorrent, che alla fine della trasformazione vedrebbe sparire - o quantomeno finire all'angolo, trattati come utenti di serie B - gli utenti che usano gratuitamente il popolare protocollo, proprio come hanno fatto negli ultimi 15 anni.

A quel punto, però, BitTorrent (o quella cosa in cui BitTorrent si sarà trasformato) diventerà interessante per tutti gli attori dell'industria dell'intrattenimento, che avranno a disposizione un nuovo modo di fare soldi. Ma, probabilmente, avrà perso la propria natura.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La startup Tron compra BitTorrent per 126 milioni di dollari

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Sono d'accordo che il protocollo torrent non sia un peer, mi sono espresso in modo inesatto, ma il principio fondante è comunque quello della libera condivisione. Sull'ultima parte del tuo pensiero, sì, penso che tu sia molto vicino al volo pindarico... :wink:
5-8-2018 11:24

in realtà il protocollo torrent non è proprio un peer to peer, e se una dinamica del genere sicuramente è aliena al concetto di condivisione libera, è altrettanto vero che si potrebbero abbattere assai i costi dei prodotti derivati dalle attività intellettuali (musica, film, libri e software). Ma sto pindaricamente volando alto!!! :lol:
4-8-2018 20:33

Messa così potrebbe anche essere essere vista come opportunità però metterebbe definitivamente una pietra sui concetti fondanti del peer (IMHO).
4-8-2018 18:02

Eh, Tron sono mesi che prova a risalire, ma in questo momento di vacche magre per le alt-coin (le criptovalute alternative al bitcoin) non c'è trippa per gatti. Nello schema che ho abbozzato (e che è sicuramente fallace, imperfetto o chissà cos'altro, sia chiaro) in realtà l'utente finale paga, ma pochissimo, perché ammortizza i costi... Leggi tutto
4-8-2018 16:59

Francamente un sistema dove tutti ci guadagnano e nessuno lascia sul piatto i soldi non mi convince del tutto mi sembra un po un moto perpetuo - che già non esiste - che permette anche di ricavare energia. A meno che non sia tutta una mossa per far aumentare di valore la sua criptovaluta e guadagnare, alla fine, su quella. Leggi tutto
4-8-2018 14:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo che ti spinge maggiormente (oppure no) ad acquistare online?
La facilità di acquisto
La presenza di maggiori sconti e promozioni
La possibilità di evitare i centri commerciali
Una più ampia visibilità delle promozioni in corso
La possibilità di valutare tutte le opzioni
Poter acquistare anche all'ultimo momento

Mostra i risultati (1918 voti)
Ottobre 2018
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
Tutti gli Arretrati


web metrics