Wikipedia oscura tutte le immagini per protesta contro la nuova norma europea sul copyright

L'Europarlamento vota il 12 settembre.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-09-2018]

ue copyright wikipedia protesta

Se in queste ore avete visitato la versione italiana di Wikipedia, avrete notato un'evidente anomalia: tutte le immagini sono oscurate.

Non si tratta di un caso: è una mossa decisa in vista del voto al Parlamento Europeo sulle modifiche alla nuova legge sul diritto d'autore nella UE, previsto per oggi 12 settembre.

Già lo scorso giugno, quando il Parlamento si preparava a votare per la prima volta, Wikipedia aveva scelto l'oscuramento volontario, sottolineando in tal modo come le nuove norme fossero un pericolo per la libertà di espressione in Rete.

Allora il voto fu rimandato, per l'appunto, al 12 settembre: il momento si avvicina, e di conseguenza Wikipedia ha deciso di intraprendere un'altra iniziativa per ricordare a tutti come, dopo che l'Europarlamento si sarà espresso, le cose per il web del Vecchio Continente possano cambiare drasticamente.

Sono almeno due i cambiamenti alla norma sul copyright che Wikipedia - ma anche buona parte del web - non vede di buon occhio.

La prima è quella contenuta nell'articolo 11, che prevede che chi ripubblica in tutto o in parte un articolo versi un compenso all'editore originale: è la cosiddetta link tax, pensata per costringere gli aggregatori di notizie come Google News a versare compensi a quei siti dei quali - dicono gli editori - Google «si approfitta» (sebbene proprio Google News e soci siano all'origine di molto del traffico di quesi siti).

Il problema è che una norma del genere rischia di colpire soprattutto i siti più piccoli, dato che non ha limiti di applicazione: utenti che condividono tra loro le notizie rischiano di dover iniziare a pagare (peraltro senza che tariffe e modalità di riscossione siano chiare).

Google ha già fatto sapere che, se la Link Tax sarà approvata, il servizio Google News in Europa verrà chiuso: è già successo in Spagna e in Germania, dove misure analoghe a quella che ora propone la UE sono in vigore da qualche tempo, e sono stati proprio gli editori (privati del traffico generato da Google News) a rimetterci.

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1236 voti)
Leggi i commenti (5)

Un altro punto importante è quello contenuto nell'articolo 13, che prevede attenti controlli su ogni contenuto prima della pubblicazione per evitare violazioni del diritto d'autore.

Ogni fornitore di servizi, ogni piattaforma alla quale gli utenti possono collaborare, dovrebbe quindi verificare preventivamente che i contenuti caricati non siano in violazione del copyright.

Il guaio è che il materiale presente nel web è costituito in gran parte da contenuti non esattamente originali ma che spesso sono modifiche di altre opere già esistenti: pensiamo ai meme, o alle Gif animate, alle parodie di cui vivono moltissimi siti (a partire da grandi nomi come Reddit e Facebook). Con l'approvazione dell'articolo 13 tali contenuti non potrebbero più venire creati né diffusi.

In sostanza - come spiega Wikipedia - «La legge sul diritto d'autore riguarda qualsiasi cosa tu faccia su Internet—dal condividere articoli di giornale al caricare le tue foto delle vacanze per contribuire al sapere su Wikipedia». Per questo motivo è importante che chiunque sia attivo nel web, a partire dai semplici utenti, faccia sentire la propria voce.

In particolare l'enciclopedia libera suggerisce di contattare direttamente un eurodeputato (tramite la pagina che illustra l'iniziativa) per spiegarli perché mai tanti internauti siano contrari alla nuova normativa, nella speranza che ciò sia sufficiente per evitare l'approvazione. Altrimenti, tempi grami si preparano per il web.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura

Commenti all'articolo (1)

Mi sembra una decisione legittima e sacrosanta e spero che lo facciano proprio poi vedremo se gli editori ne saranno così felici.. Leggi tutto
14-9-2018 19:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Annunci come quello di NVIDIA sull'appliance GRID per il Cloud gaming suggeriscono che il fenomeno stia acquisendo rilevanza, ma storie di insuccesso come OnLive sembrano indicare mancanza di trazione tra gli utenti. Hai qualche esperienza in merito?
Sì, e sono stato soddisfatto
Sì, ma sono rimasto deluso
No, ma penso che possa avere successo
No, e fallirà perché ci sono alternative più interessanti per videogiocare

Mostra i risultati (135 voti)
Settembre 2018
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura
Falla 0-day in Windows, i cybercriminali hanno iniziato gli attacchi
Volete tenere Windows 7? Il prezzo continuerà a crescere
Tor Browser 8.0, più facile da usare e più abile nell'aggirare la censura
Salvati dallo smartwatch: il monitoraggio della salute ha già salvato la vita a due uomini
iPhone XS e Apple Watch Serie 4, le prime foto trapelate in rete
Falla 0-day in Windows, ecco la correzione. Ma non proviene da Microsoft
Agosto 2018
Falla 0-day in Windows 10 consente di ottenere il controllo sul Pc
Tagliato fuori da Galileo, il Regno Unito si costruirà un proprio GPS
Black Hat 2018, svelata vulnerabilità imbarazzante
Tutti gli Arretrati


web metrics