Sei mesi di prigione per l'uomo che piratò Deadpool su Facebook

Vantarsi della propria inafferrabilità non gli ha giovato molto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-09-2018]

Deadpool Pirata prigione

Terzo e ultimo capitolo della saga dell'uomo arrestato per aver pubblicato su Facebook una copia pirata del film Deadpool.

La polizia era arrivata a Trevon Franklin nel giugno del 2017, colpevole di aver reso disponibile attraverso il social network Deadpool ad appena una settimana dall'uscita nei cinema, permettendo così a circa 6 milioni di persone di guardarlo gratis.

Lo scorso maggio il giovane (22 anni) s'è dichiarato colpevole, sapendo che così facendo sarebbe stato condannato al massimo a un anno di prigione anziché a tre.

Ora siamo alle battute finali: il governo dello Stato della California, dove Franklin vive, ha raccomandato che l'uomo sia rinchiuso in prigione per sei mesi, trascorsi i quali dovrà passare un anno in libertà condizionata.

Rispetto a quanto preventivato inizialmente, la condanna sarà lieve ma non assente: ciò perché l'accusa ha spiegato e dimostrato come Franklin abbia «sfidato la legge pubblicamente e spudoratamente».

Sondaggio
Qual è il client torrent che utilizzi di più?
µTorrent
Vuze
Opera
Transmission
BitTorrent
Ktorrent
Shareaza
Tixati
MediaGet
qBittorrent
Deluge

Mostra i risultati (2654 voti)
Leggi i commenti (10)

Al tempo della pubblicazione del film su Facebook, a quanti gli facevano notare che il suo comportamento era illegale rispondeva che lui «non poteva essere punito»: «Ho il sistema perfetto per non restare incastrato, sareste tutti sorpresi se sapeste perché non andrò in prigione ma mi limiterò a diventare più famoso».

Spinto da tanta sicurezza, Franklin ha anche distribuito dieci copie fisiche del film (su DVD), il cui valore - considerando che la distribuzione è avvenuta mentre il film era ancora nelle sale - è stato stimato in 2.500 dollari e ha creato un gruppo Facebook dal nome Bootleg Movies, dove si vantava delle proprie capacità e annunciava nuovi rilasci.

Le raccomandazioni della pubblica accusa generalmente vengono accolte dal giudice così come sono. La sentenza definitiva è attesa a breve.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Si dichiara colpevole l'uomo che piratò Deadpool su Facebook in cerca di popolarità
Tre anni di prigione per aver piratato Deadpool

Commenti all'articolo (3)

Non conosco l'influenza di Deadpool su questo tipo ma, per uno che si vanta in modo così spudorato su fessbuk delle sue attività illegali convinto di farla franca e ci aggiunge pure la distribuzione (cono senza scopo di lucro non è chiaro) dei DVD, sei mesi sono anche pochi... più per la stupidità che per il crimine in sé sia chiaro. ... Leggi tutto
25-9-2018 19:15

{deadmind}
Mi viene in mente Noam Chomsky e le sue 10 strategie di manipolazione, una delle quali è quella di spingere il pubblico a ritenere che è di moda essere stupidi, volgari e ignoranti. Credo che Deadpool e il successo che ha avuto la dicano lunga sull'efficacia di questa strategia.
24-9-2018 16:14

{pippo}
se uno è un coglione, rimane coglione
21-9-2018 23:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2720 voti)
Ottobre 2019
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
Tutti gli Arretrati


web metrics