Bullismo e molestie online: su Facebook nuovi strumenti per combatterli



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2018]

facebook bullismo molestie online

Bullismo e molestie sui social network sono un fenomeno tutt'altro che nuovo ma che, anzi, va assumendo proporzioni sempre maggiori.

Facebook ha quindi deciso di introdurre nuovi sistemi per contrastarlo, riconoscendo come i commenti ai post spesso si trasformino da costruttivi in occasione di molestie online.

Il primo strumento è la possibilità di nascondere o cancellare più commenti in una volta sola tramite il menu delle impostazioni di ogni post: tale funzione sarà disponibile subito sul web e nell'app per Android, mentre arriverà solo successivamente nell'app per iOS.

Una seconda funzione permette di segnalare eventuali post di molestie per conto di altri: chi dovesse ravvisare commenti inadatti in calce ai posti di amici può ora segnalare il comportamento inappropriato per conto di quegli stessi amici, che magari non si sentono a proprio agio nel farlo di persona.

La segnalazione verrà mantenuta anonima ma sarà presa in considerazione da uno degli incaricati del team Community Operations e, se verrà riconosciuto che viola gli standard della comunità, verranno intraprese le azioni previste.

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3526 voti)
Leggi i commenti (46)

Facebook è però anche cosciente del fatto che i bulli agiscono con ogni strumento messo a disposizione, persino con quelli ideati proprio per proteggersi da loro. Ecco perché sottolinea la possibilità di «ricorrere in appello» per le foto, i video e i post rimossi in quanto ritenuti in violazione delle linee guida, chiedendo una nuova valutazione.

Il sistema funziona nei due sensi: chi ritiene che un proprio post sia stato eliminato perché ritenuto causa di molestie può richiedere un secondo parere, ma anche chi vede che la propria segnalazione non è stata accettata può insistere e ottenere che venga compiuta un'ulteriore analisi.

Infine, il social network ha deciso di aumentare gli strumenti a disposizione per la difesa dei personaggi pubblici - spesso i più colpiti dagli attacchi virtuali - dai molestatori: potranno segnalare gli autori degli attacchi ma anche ignorare automaticamente i loro messaggi senza che essi ne siano informati oppure bloccarli completamente, sempre senza alcuna segnalazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Adolescenti: sempre meno Facebook, sempre più Instagram, Snapchat e YouTube
Facebook pubblica finalmente gli standard interni per approvare o rimuovere contenuti
Facebook cambia le regole su terrorismo, violenza e nudo
Quattordicenne arrestata per cyberbullismo su Facebook
Quattordicenne suicida, Moige contro Facebook
Quindicenni, l'8% mette foto nude in rete

Commenti all'articolo (1)

E' un moto perpetuo o c'è un limite alle iterazioni? In ogni caso evitando FB si evita questo tipo di problemi... Leggi tutto
5-10-2018 18:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come credi che sarà la vita per la maggior parte della gente nel 2100?
Un idillio ipertech.
Grossomodo come adesso, con qualche giocattolo in più e/o in meno.
Roba da candelabri, biciclette e abaco.
Terribile, da gente allo sbando, senza più civiltà.
Non ci sarà più. Ormai saremo estinti, o sull'orlo dell'estinzione.

Mostra i risultati (3096 voti)
Ottobre 2018
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Finisce l'obbligo di installare Chrome su Android: Google piegata dalla multa UE
I robot giganti di Elon Musk
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Tutti gli Arretrati


web metrics