La patch per Spectre che dimezza le prestazioni di Linux



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-11-2018]

intel spectre linux 420 prestazioni

Sebbene ormai non se ne parli quasi più, nella prima parte dell'anno le falle Meltdown e Spectre scoperte nei processori Intel hanno spesso conquistato le prime pagine, a volte terrorizzando gli utenti ben oltre lo stretto necessario.

Anche se la questione non è più strettamente d'attualità, patch e correzioni per risolvere i problemi e contrastare le nuove varianti degli exploit che a mano a mano emergono continuano uscire.

Un caso particolarmente spiacevole è quello che riguarda una patch di recente inserita nella versione 4.20 del kernel di Linux (e, tramite backport, anche nella versione 4.19.2) e riguardante i Single Thread Indirect Branch Predictors (STIBP).

La correzione svolge il proprio lavoro, ma a caro prezzo: il suo impatto sulle prestazioni è infatti molto pesante.

Sin dall'inizio della vicenda lo spettro di un calo deciso delle prestazioni a seguito dell'installazione delle patch è stato agitato davanti agli occhi degli utenti, ma in generale il fenomeno ha riguardato pochi casi e l'impatto è stato molto limitato.

Questa volta la faccenda è più seria: in base ai test di Phoronix, a seconda delle operazioni condotte e usando l'HyperThreading, un processore debitamente patchato rallenta del 30% o addirittura del 50% rispetto a un processore che lavora senza patch.

La situazione è evidentemente inaccettabile, tanto che Linus Torvalds - nella sua nuova versione libera da intemperanze - è intervenuto suggerendo di disabilitare l'HyperThreading nei processori Intel, operazione che, secondo il padre di Linux, «quanti sono attenti alla sicurezza compiono comunque».

Sondaggio
In che modo installi nuove applicazioni sul computer?
Clicco su «Avanti-Avanti-Accetto-avanti...» quasi senza leggere
Leggo attentamente tutti le avvertenze e modifico le impostazioni se necessario
Di solito non installo applicazioni per conto mio

Mostra i risultati (1180 voti)
Leggi i commenti (15)

L'alternativa è non attivare la correzione STIBP, considerando che, dopotutto, la possibilità di un attacco tramite la falla che essa corregge è praticamente soltanto teorica ed è estremamente difficile che qualcuno lo conduca per davvero.

Se fosse soltanto per Torvalds, la strada sarebbe chiara: disabilitare la patch nel kernel Linux e lasciare agli utenti che lo vogliano la possibilità di riabilitarla.

«Avvisiamoli una volta» - scrive - «e lasciamo che i pazzi dicano "Preferisco che le prestazioni calino del 50% piuttosto che angosciarmi per un problema teorico».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Linus Torvalds torna al comando di Linux
Meltdown e Spectre, arrivano le patch: ecco quanto rallenterà il Pc
Meltdown e Spectre, il commento di Kaspersky

Commenti all'articolo (3)

Soprattutto per una vulnerabilità che è quasi impossibile che qualcuno possa sfruttare. Leggi tutto
29-11-2018 19:06

{Luca}
Sembra che le cose stiano andando a posto link
28-11-2018 20:54

Io ho installato tutte le patch sia su Windows che su Linux (maggiori, in quest'ultimo, e che includono quelle del microcode, una volta abilitato), e di deponteziamento non ne ho visto, per il mio utilizzo. Certo che se mi fossi vista 2 pc su 2, recenti (Hashwell e Kabylake), depotenziati al 50% avrei scelto di non aggiornare, o a... Leggi tutto
27-11-2018 18:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1841 voti)
Dicembre 2018
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale oltre 20 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Tutti gli Arretrati


web metrics