Google rimuove da Google Play 13 giochi infetti vittime del repackaging



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-11-2018]

malware android repackaging

C'è una minaccia relativamente nuova che sta prendendo piede nei vari app store: il repackaging.

In pratica si tratta di predere un'applicazione innocua e "riconfezionarla", aggiungendovi un malware o comunque delle funzioni originariamente non previste, generalmente pensate per trarre vantaggio dagli utenti e dai loro dati.

Negli ultimi tempi 13 giochi sono stati eliminati da Google Play proprio a causa di questa pratica: si trattava di una versione alternativa di certi titoli, contenente codice per il mining di criptovalute.

«I nuovi attacchi di repackaging» - spiega Will LaSala di OneSpan - «trasformano semplici o comuni app in nefaste applicazioni usate per la diffusione di payload di malware. Ciò consente agli hacker di trasferire altri malware sui telefoni di inconsapevoli vittime, spesso in combinazione con attacchi di tipo overlay, ossia di sovrapposizione dello schermo, per indurre gli utenti a installare i payload dei malware appena scaricati».

«Questi malware» - continua LaSala - «si concentrano sulla raccolta di credenziali e iniettano library che possono far sì che le applicazioni trasmettano informazioni sensibili direttamente agli hacker».

Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilità
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalità politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (5003 voti)
Leggi i commenti (25)

Non sono soltanto gli utenti a doversi preoccupare di questo tipo di attacchi: anche i produttori delle app originali soggetti a repackaging devono preoccuparsi, in quanto il danno di immagine non è indifferente e spinge gli utenti a rivolgersi ad applicazioni concorrenti.

È pertanto importante che le app si proteggano con tecnologie di schermatura dell'applicazione, che rilevino e impediscano attivamente il repackaging: il compito spetta a sviluppatori ed editori, i quali in questo modo proteggeranno gli utenti e la propria attività.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Triout, lo spyware per Android che registra chiamata, SMS, video e foto
App spione in Google Play rubavano conversazioni di WhatsApp
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android

Commenti all'articolo (2)

Purtroppo non è una novità, il capitalismo produce questi effetti e continuerà a farlo finché esisterà, le grandi aziende e le multinazionali sono solo la versione più spinta del capitalismo.
30-11-2018 18:43

{giangi}
Il piccolo sviluppatore, che guadagna poco o niente, non farà nulla. Grazie alla politica di Google e di Apple, gli unici che si posizionano bene nelle classifiche delle app sono le grandi aziende che guadagnano montagne di soldi, pagando gli sviluppatori "collaboratori" una miseria. E queste grandi aziende hanno una... Leggi tutto
29-11-2018 17:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1583 voti)
Dicembre 2018
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale oltre 20 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Tutti gli Arretrati


web metrics