YouTube sulla difensiva: il div che penalizzava Edge era solo un bug



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-12-2018]

google microsoft evil

Anche se i tempi del motto «Don't be evil» sono ormai passati, Google non ci sta a fare la figura della cattiva impostale dall'ex sviluppatore di Edge che l'ha accusata di pratiche scorrette per avvantaggiare Chrome.

A dire la verità, l'uomo diceva di non essere del tutto convinto del fatto che Google stesse volontariamente mettendo in difficoltà il browser di Microsoft, anche se i suoi colleghi parevano non avere dubbi.

In ogni caso, l'accusa di sabotaggio non è piaciuta nei corridoi del quartier generale di Mountain View, e così Google ha deciso di negare recisamente le accuse, spiegando che la presenza del div vuoto che tanto imbarazzo ha creato a Chrome era dovuta soltanto a un bug.

«YouTube non aggiunge codice progettato per vanificare le ottimizzazioni degli altri browser» - si legge nella nota diramata dal gigante della ricerca - «e opera prontamente per risolvere i bug non appena questi vengono scoperti. Ci teniamo in contatto regolarmente con i produttori di altri browser attraverso mezzi standard, come il progetto Web Platform Test, il progetto open source Chromium e altro ancora al fine di aumentare l'interoperabilità tra i browser».

Prima della precisazione, la presenza del div maledetto era stata attribuita a funzionalità innocenti, come per esempio il tentativo di evitare i clic fraudolenti.

Sondaggio
Quale di queste tecnologie obsolete utilizzi di pi¨?
Autoradio con mangianastri
Carta carbone
Ciclostile
Fax
Floppy disk
Lavagna luminosa a lucidi
Lettore di compact disc
Macchina fotografica a pellicola
Macchina per scrivere
Proiettore di diapositive
Registratore a cassette
Segreteria telefonica a nastro
Stampante ad aghi
Telefono a rotella
Videoregistratore VHS
Videotel
Walkie talkie
Walkman

Mostra i risultati (3901 voti)
Leggi i commenti (22)

Ammettendo invece che s'è trattato di un bug, YouTube ha in pratica ammesso di non testare a fondo la compatibilità con i browser diversi da Chrome: altrimenti non avrebbe dato tanto peso alla differenza di prestazioni tra il proprio browser ed Edge, che proprio a quel bug era dovuta.

Se il dibattito intorno a questo argomento ancora non s'è scaldato - e con ogni probabilità non lo farà mai - è solo perché ormai tutti sanno che Edge come lo conosciamo presto cesserà di esistere, e baratterà il proprio cuore con quello di Chromium: ogni attrito passato tra Microsoft e Google vien quindi a essere irrilevante.

In ogni caso, Microsoft stessa ha pensato a gettare acqua sul fuoco commentando la vicenda con queste parole: «Google è sempre stato un partner collaborativo e attendiamo con impazienza l'inizio del nuovo viaggio che plasmerà il futuro di Microsoft Edge».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google ha sabotato YouTube per far fare brutta figura a Microsoft
Edge passa a Chromium: Google festeggia, Mozilla teme per la libertà del web

Commenti all'articolo (1)

Tarallucci e vino... In ogni caso poteva benissimo anche essere un bug ma non lo sapremo mai con certezza.
28-12-2018 14:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (946 voti)
Febbraio 2020
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Tutti gli Arretrati


web metrics