Il bug di Google che permette di manipolare i risultati delle ricerche



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-01-2019]

google bug

C'è un bug nel modo in cui Google presenta i risultati e tratta gli URL relativi alle ricerche che può essere usato per diffondere informazioni false o, come si usa dire, fake news.

Per capirne la portata è necessario tenere presenti alcune particolari funzioni del motore di ricerca.

Per esempio, bisogna ricordare che dal 2012 Google ha introdotto Knowledge Graph, un box che appare a fianco dei risultati e fornisce alcune informazioni importanti, se presenti, sulla parola chiave.

Per esempio, se si cerca Unicef non soltanto si ottiene in risposta una lista di risultati, ma anche una rapida scheda che fornisce alcuni dati sull'organizzazione.

Nel corso del tempo Google ha poi imparato a fornire direttamente le risposte ad alcune domande comuni - da "Che ore sono" a "Che tempo fa?" - tanto che molti si sono ormai abituati a considerare soltanto l'immediata risposta fornita dal motore, senza approfondire la questione.

Ebbene, di recente è stato scoperto che è possibile approfittare di queste funzioni manipolando gli indirizzi di ricerche presentate nei link.

Infatti, utilizzando certi parametri è possibile costruire un URL che non soltanto mostri la scheda del Knowledge Graph, ma addirittura nasconda i normali risultati della ricerca.

Per esempio, una query non manipolata che chieda a Google Chi è il presidente della repubblica italiana? mostrerà il risultato corretto. Ma non è difficile far sì che un link apparentemente identico - Chi è il presidente della repubblica italiana? - mostri informazioni completamente diverse: cliccare per credere.

Sondaggio
Quale metodo utilizzi nell'apprendere un linguaggio di programmazione?
Corsi tradizionali in aula.
Internet e corsi online.
Libri e manuali.
Altro.
Non programmo.

Mostra i risultati (2691 voti)
Leggi i commenti (15)

Il trucco sta nella possibilità di condividere il contenuto del box di Knowledge Graph tramite l'apposito pulsante, che fornisce un link abbrevviato. Seguendo detto link si ottiene una pagina di ricerca Google nel cui url è presente il paramentro kgmid seguito da un codice. Aggiungendo questo codice all'URL della ricerca, insieme all'ulteriore parametro kponly si ottiene una pagina di risultati che può essere usate per fare innocui scherzi o indurre nell'errore ignari visitatori.

Naturalmente, un'occhiata non disattenta si accorgerebbe subito di certe manipolazioni, ma l'esperienza insegna che moltissimi tra coloro che navigano nel web prendono per buona la prima informazione trovata e non vanno oltre il titolo di un articolo.

Il problema in sé non è nuovo, dato che era già stato segnalato a dicembre 2017, ma da allora le cose non sono cambiate. Ora sta ricevendo parecchia notorietà, e così Google ha fatto sapere che interverrà quanto prima.

Nel frattempo, non fidatevi ciecamente di nessun link.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La UE ricompenserà chi scova bug in VLC, Drupal e altri 13 progetti open source
Il bug di Chrome che manda in freeze Windows 10
YouTube sulla difensiva: il div che penalizzava Edge era solo un bug
Bug in Instagram, esposte le password degli utenti
Tutti i giga consumati? Potrebbe essere colpa dello strano bug di Google News

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Fatte alcune prove con browser diversi che usano motori di ricerca diversi. ovviamente non cliccato sui link (che avrebbe comunque usato Google), ma copiato il metodo di ricerca inserendola nella riga query del browser. Google s' arrabiata: Informazioni su questa pagina I nostri sistemi hanno rilevato un traffico insolito proveniente... Leggi tutto
18-1-2019 19:35

Il numero dei risultati identico al mio i tempi no ma questo non significativo in quanto dipende anche da altri fattori. Vivaldi 2.2.1388.37 Fatta prova anche con Otter Browser 0.9.99 RC12 le pagine sono simili e presentano gli stessi link ma i risultati sono estremamente diversi: 1) Circa 67.100.000 risultati - tempo non riportato... Leggi tutto
18-1-2019 19:22

Opera v. 57.0.3098.116 cambiano i numeri e velocit, ma non il presidente 1) Circa 28.200.000 risultati (0,49 secondi) 2) Circa 24.400.000 risultati (0,40 secondi)
18-1-2019 19:11

In effetti a me cambia solo il numero dei risultati e la pagina raggiunta dal link manipolato presenta solo il box di Knowledge Graph ma non i risultati sotto. In ogni caso il box di Knowledge Graph identico in entrambi i casi quindi qualche differenza c' ma non sostanziale. p.s. uso Vivaldi come Browser.
18-1-2019 19:03

Chrome 1) Circa 27.000.000 risultati (0,71 secondi) 2) Circa 32.300.000 risultati (0,69 secondi) Potrebbe dipendere dal browser? ne provo vari
18-1-2019 18:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual lo strumento di informazione di cui ti avvali di pi?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (2976 voti)
Settembre 2019
Gli utenti hanno il diritto di rivendere i giochi comprati su Steam?
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics