L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google

È disponibile per Chrome, Opera e Firefox.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-03-2019]

google unlocked estensione

Anni fa Google ha iniziato a rimuovere i link che le vengono segnalati in quanto in violazione di qualche legge (per lo più norme relative al copyright, come lo statunitense DMCA), così da non incappare in sanzioni perché ritenuta complice dei pirati.< p> Da allora, i collegamenti spariti dal motore di ricerca sono oltre 4 miliardi, indicati da 168.180 enti e riguardanti oltre 2 milioni di domini.

Il problema è che, come è stato dimostrato più volte in passato, il sistema non è perfetto: fin troppo spesso tra i link rimossi ve ne sono alcuni (o parecchi) che rimandano a materiale assolutamente legale finito, per dolo o distrazione, nella lista di proscrizione.

Tutti questi link, però, non svaniscono per sempre. All'utente che compie una ricerca viene mostrato un messaggio, il quale informa che il collegamento è stato rimosso in ottemperanza alle leggi sul diritto d'autore; ma il link originale sopravvive nel Lumen Database.

Basta quindi andare sul sito del database e condurre una ricerca che ha mostrato il risultato censurato per ottenere quanto su Google non è più visibile. Il problema è che, in questo modo, il lavoro da fare per arrivare a dei risultati utili è doppio (prima su Google, poi nel Lumen Database) e rischia di portare via molto tempo.

Gli sviluppatori di Ibit si sono accorti di questa scomodità e l'hanno eliminata ideando l'estensione per Chrome, Opera e Firefox Google Unlocked, disponibile su GitHub, sul Chrome Web Store e tra i Firefox Add-on.

Come spiegano gli ideatori, «l'estensione effettua la scansione dei link nascosti che sono stati censurati nei risultati di ricerca di Google a causa delle lamentele. Lo strumento analizza le lamentele e da esse estrae i link, quindi rimette i link nei risultati di Google, il tutto in pochi secondi».

Google Unlocked è open source e consiste in poche linee di JavaScript; richiede soltanto il permesso di accedere ai domini che fanno capo a Google per poter modificare i risultati delle ricerche quel tanto che basta per ripristinare ciò che manca.

Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3445 voti)
Leggi i commenti (8)

L'estensione, dal punto di vista tecnico, funziona. Dal punto di vista della legge, c'è da dire che funziona fin troppo bene.

Essa non è infatti in grado di distinguere tra contenuto rimosso illecitamente (perché in realtà non viola il diritto d'autore) da quello rimosso correttamente (perché effettivamente in violazione del diritto d'autore).

Ciò significa che nei risultati ricostruiti da Google Unlocked ritornano anche i contenuti pirata, con le conseguenze immaginabili per chi li segue.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google, rimossi mezzo miliardo di link pirata
Il servizio che rivela cosa è stato rimosso da Google

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Io onestamente trovo molte più notizie interessanti con startpage che non con Google, pare che Google certe cose anche se non violano il copyright non le faccia passare. Ma a me interessa la finanza, per chi è interessato a CR7 Google va benissimo.
30-3-2019 12:31

Per quanto riguarda cambiare il browser, io ho impostata di default la ricerca con duckduckgo ma alla fine peer avere risultati più efficaci debbo passare a Google. Bing è il più scarso di tutti in ternini di accuratezza dei risultati ottenuti. Questa è la mia sensazione..
30-3-2019 10:56

Preferenze personali: https://duckduckgo.com/[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/649101]https://www.startpage.com/[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/649102]https://www.ecosia.org/[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/649103]https://disconnect.me/[/url] I vari [url=http://forum.zeusnews.com/link/649104]Google[/url],... Leggi tutto
30-3-2019 10:15

Purtroppo nella vita o ti sviluppi o finisci :inc: Guarda la truffa dei diamanti e non l'ha fatta un piccolo magliaro l'hanno fatta grandi gruppi bancari. Leggi tutto
29-3-2019 20:34

cambiare motore di ricerca è difficile per la gente comune... è come dire usa telegram lascia stare tt le cose di fb
29-3-2019 17:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni concordi maggiormente?
Il cloud computing può migliorare il contributo della funzione IT alla strategia aziendale.
Il cloud computing può aumentare la capacità di innovazione dei dipartimenti IT.
La mia azienda ha già implementato servizi cloud o progetta di farlo.
I servizi cloud sarà una componente importante per il successo della mia azienda nei prossimi 12 mesi.
Il cloud computing consente una riduzione dei costi di manutenzione dell'IT.
Il cloud computing consente una diminuzione dei costi IT e di gestione e miglioramento nell'efficienza dei processi.
Il cloud computing offre maggiori vantaggi per il business rispetto all'outsourcing tradizionale.

Mostra i risultati (585 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics