Il galateo dei messaggi vocali



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-04-2019]

galateo messaggi vocali

È un po' strano il punto a cui è arrivata la telefonia nella sua evoluzione.

All'inizio c'erano le telefonata: si sollevava la cornetta e si parlava, per così dire, in diretta. Poi, più di recente, sono arrivati i messaggi e le chat: anziché parlare si scrive, e il destinatario legge e risponde quando ha tempo.

Ora siamo alla telefonata in differita. Soprattutto i più giovani, infatti, usano le chat non per mandare messaggi scritti, ma per registrare messaggi vocali (che, spesso, vengono semplicemente chiamati i vocali, senza sostantivo). Siamo tornati all'uso della voce, ma senza simultaneità.

Questa particolare forma di comunicazione presenta tuttavia alcuni problemi. Intanto non è detto che sempre il destinatario possa immediatamente ascoltare il messaggio vocale (per lo stesso motivo per cui non può telefonare, magari, mentre un discreto testo scritto sarebbe adatto).

Poi, ci sono persone che mandano messaggi vocali interminabili, che durano minuti e all'interno dei quali il filo del discorso svanisce in tutta una serie di argomenti collaterali, esitazioni e ripensamenti.

Wiko, noto marchio di telefonia, ha preso nota delle idiosincrasie legate ai messaggi vocali e ha ideato un esperimento: ha provato a usarli per cercare una casa in cui passare lo scorso fine settimana di Pasqua.

Nel video che riportiamo in fondo all'articolo, il messaggio passa di regione in regione, toccando da Sud a Nord tutta la penisola.

L'esperimento non è fine a sé stesso: vuole essere lo spunto per fare una riflessione sui messaggi vocali, fornendo alcuni consigli in modo che non siano troppo invadenti o controproducenti.

Ecco dunque le cinque raccomandazioni di Wiko per essere ascoltati davvero e non rischiare di innervosire l'interlocutore:

1. Less is more. Se volete che il vostro messaggio venga ascoltato fino alla fine, non superate i 20 secondi. La soglia d'attenzione di una persona che vi ascolta comincia a calare dopo i primi 3 secondi, figuriamoci dopo 20. Siate sempre concisi, chiari e diretti.

2. Valutate le reazioni. Se continuate a mandare vocali, e la risposta vi arriva sotto forma di messaggio testuale, forse state sbagliando codice di comunicazione. Meglio riprogettare lo scambio e adeguarsi all'interlocutore.

Sondaggio
Qual Ŕ il tuo operatore principale di telefonia mobile?
Tim
Vodafone
Tre
Wind
Un operatore virtuale (Carrefour, PosteMobile, ecc.)
Utilizzo pi¨ Sim
Non ho il cellulare... ma non mi crede nessuno

Mostra i risultati (4860 voti)
Leggi i commenti (9)

3. Il contesto è tutto. Dove verrà ascoltato il vocale? Se sapete che chi riceverà il vocale è a lezione, in ufficio o, peggio impegnato in una importante riunione, meglio evitare. Se invece sapete che il destinatario non ha impegni in agenda, un vocale potrebbe essere la modalità di comunicazione ideale, estemporanea e che esclude la necessità di fissare lo schermo dello smartphone.

4. Non fatevi prendere la mano. Nelle chat di gruppo i vocali generano il massimo grado di fastidio. Le famose chat di classe, ma anche le più informali chat con gli amici del calcetto, rischiano di divenire un inferno tra continui botta e risposta. Non abusate.

5. Misurate l'importanza. Se volete essere proprio sicuri che il destinatario riceva l'informazione che volete comunicare non rischiate che non possa ascoltarla. I vocali sono sempre più una realtà, poiché considerati veloci, pratici, immediati. Per alcuni, soprattutto per i più giovani, sono l'unico modo di comunicare ma per altri rasentano il male assoluto. Valutate caso per caso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Messaggi vocali e netiquette, parliamone

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

:lol: Leggi tutto
11-5-2019 18:26

I messaggi vocali danno conforto a quelle persone che vogliono parlare senza essere interrotte.... essere ascoltate poi Ŕ un altro paio di maniche :roll: da parte mia ignoro o interrompo messaggi pi¨ lunghi di 5 secondi
9-5-2019 10:45

:lol: :lol: :lol: Per me o si telefona o si mandano messaggi scritti: SMS, email o Telegram... Non capisco proprio la necessitÓ di cercare invenzioni insensate come i messaggi vocali inviati in differita. Leggi tutto
1-5-2019 15:19

Ma pensa che ignoranza... Fino a pochi minuti fa pensavo che i messaggi vocali fossero quelli lasciati nella segreteria telefonica... Forse perchŔ non utilizzo app di messaggistica, se si escludono i pochi SMS e le email? Ok, in determinati contesti uso anche Skype e Messagenet ma solo per telefonate in "diretta"
1-5-2019 11:58

I messaggi vocali, servono solo per persone pigre o che non sanno scrivere. E tutte quelle domande, sul fatto che il ricevente non sia in condizione di ascoltare, manco se le fanno...
30-4-2019 20:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1315 voti)
Maggio 2021
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 maggio


web metrics