Falla in Excel: il PC si può infettare aprendo un foglio di calcolo



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-06-2019]

excel falla power query

Si calcola che siano circa 120 milioni gli utenti messi in pericolo da una falla da poco scoperta in Excel a opera del Mimecast Threat Center.

Il problema sta in Power Query, un componente opzionale che però viene aggiunto di default quando si fa un'installazione "Click-to-Run di Office.

Power Query può essere sfruttato per lanciare quello che viene definito un attacco DDE (Dynamic Data Exchange) sfruttando la sua capacità di integrare nei fogli di calcolo sorgenti di dati esterne, come un database, un documento di testo, una pagina web e altro ancora.

Tale caratteristica consente di caricare i contenuti esterni dinamicamente (per esempio scegliendo di farlo all'apertura del documento): se i contenuti in questione sono stati creati per fare danni, ecco che la semplice apertura di un file Excel può essere dannosa per il computer.

«Usando Power Query» - spiega il Mimecast Threat Center - «è possibile inserire contenuti pericolosi in una sorgente di dati separata, e quindi caricarne il contenuto nel foglio di calcolo quando questo viene aperto. Il codice pericoloso può essere usato per attivare ed eseguire malware che può compromettere la macchina».

Sebbene Power Query non sia usato da tutti gli utenti di Excel, il pericolo è comunque reale.

Mimecast ha tuttavia fatto sapere che Microsoft, informata della falla, ha preferito per ora non rilasciare una correzione, limitandosi a diramare un comunicato in cui suggerisce un modo per minimizzare i rischi derivanti dal problema.

Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (394 voti)
Leggi i commenti (6)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft ritira l'aggiornamento che mandava in freeze Office 2016
Microsoft: Non comprate Office 2019
Le nuove icone di Microsoft Office sono una professione di fede nel cloud computing
Microsoft Office 2016 blocca le macro per fermare il ransomware

Commenti all'articolo (1)

Trattandosi di un comunicato del novembre 2017 il cui ultimo aggiornamento risale a gennaio 2018 viene da pensare che M$ fosse a conoscenza, già da un po di tempo, di questa falla... (IMHO). :roll: Leggi tutto
6-7-2019 14:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la cosa più importante per te in un sito Internet?
Estetica
Interattività
Contenuti
Usabilità
Gratuità

Mostra i risultati (2579 voti)
Luglio 2019
Auto elettriche, arriva l'obbligo che facciano rumore
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
Tutti gli Arretrati


web metrics