L'analisi del sangue che predice quando moriremo



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-08-2019]

esame sangue morte

Secondo una ricerca pubblicata da poco su Nature Communications esiste un modo per prevedere con un'elevata precisione il rischio di morte entro 5 o 10 anni semplicemente facendo un'analisi del sangue.

La ricerca si basa su uno studio condotto da ricercatori olandesi che, analizzando i dati relativi a oltre 44.000 persone tra i 18 e i 109 anni su un periodo di 17 anni, hanno preso in esame 226 sostanze presenti nel sangue.

Hanno così potuto individuare 14 indicatori, rilevabili nel flusso sanguigno, che possono essere utilizzati per stimare la probabilità che una persona muoia nel giro di 5 - 10 anni dall'esame.

Per verificare l'ipotesi hanno verificato le informazioni relative a oltre 7.000 finlandesi i cui dati erano stati raccolti nel 1997. Hanno scoperto che le predizioni formulate in base ai 14 indicatori si sono rivelate accurate in media nell'83% dei casi; prendendo in considerazione soltanto le persone con più di sessant'anni, però, l'accuratezza scende al 72%.

Tra i parametri considerati ve ne sono alcuni che già sono legati a certa cause di morte, quali le malattie cardiache, il cancro e il diabete: essi vanno dal livello di zucchero nel sangue ai fattori legati al colesterolo "cattivo", dagli acidi grassi polinsaturi, all'albumina (legata ai problemi a fegato e reni).

Altri parametri invece richiedono, secondo gli autori, ulteriori studi poiché al momento non sono chiaramente legati allo sviluppo di particolari patologie; tra essi c'è per esempio l'acido acetoacetico.

«Combinati insieme, questi biomarcatori aumentano evidentemente la qualità delle predizioni di morte a 5 e 10 anni per tutte le età rispetto a quanto facciano i fattori di rischio convenzionali» scrivono gli autori. «La profilazione dei biomarcatori metabolici potrebbe quindi essere usata per guidare la cura dei pazienti, se venisse confermata in successivi test clinici».

Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (5459 voti)
Leggi i commenti (12)

La ricerca pubblicata si basa infatti sull'analisi dei dati raccolti, ma perché venga confermata è necessario eseguire dei test clinici. Inoltre i dati adoperati provenivano tutti da persone europee, ed è possibile che le conseguenze tratte non si applichino così come sono ad altri gruppi etnici.

È presto quindi per poter dire che sia possibile predire la data di morte di qualcuno, eppure alcuni scenari delineati possono già creare qualche preoccupazione.

Per esempio, un giorno qualcuno potrebbe chiedersi: se i biomarcatori di questo paziente indicano un'elevatissima probabilità di morte entro cinque anni, ha ancora senso che la sua assicurazione medica o il sistema sanitario nazionale paghino per l'operazione che gli sarebbe necessaria adesso?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'app per smartwatch che sa quando moriremo
L'Apple Watch predice la data di morte
Il braccialetto laser che predice la data di morte

Commenti all'articolo (5)

{Giorgio}
È una grande scema ho conosciuto una signora con gravissimi problemi al cuore che temeva come causa di morte.È stata investita e uccisa da un auto sotto casa......
3-9-2019 10:53

{Mimmo}
Non mi pongo il problema di quando morirò, visto che il problema dell'esistenza non è morire, ma vivere!
3-9-2019 09:08

Agghiacciante ma assai probabile. :twisted: Leggi tutto
26-8-2019 13:46

{utente anonimo}
L'ulrima domanda se la ponevano i nazisti. In un paese o una persona non confusi da valori neonazisti quella domanda non sfiora nemmeno l'anticamera del cervello.
26-8-2019 10:18

{fon-zie}
SI SA QUANDO SI NASCE MA NON SI SA QUANDO SI MUORE.IO SONO SEMPRE DI QUESTO "SEMPLICISSIMO" PARERE. TUTTO IL RESTO SONO PAROLE AL VENTO
24-8-2019 23:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il tuo browser preferito?
Internet Explorer
Firefox
Chrome
Safari
Opera
Un altro

Mostra i risultati (11850 voti)
Settembre 2019
Gli utenti hanno il diritto di rivendere i giochi comprati su Steam?
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics