Google nel mirino dell'antitrust



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-09-2019]

google antitrust procuratori usa

Negli ultimi giorni le voci si rincorrevano, e ora hanno trovato conferma: i Procuratori Generali di 50 Stati degli USA hanno avviato un'indagine antitrust contro Google.

L'iniziativa è stata promossa dal Procuratore Generale del Texas, Ken Paxton, il quale ha spiegato che «Google domina ogni settore sia della pubblicità in Internet sia della ricerca in Internet». Per questo motivo, i procuratori vogliono capire se ci sia una violazione delle regole sulla concorrenza.

L'Open Markets Institute, che vede Google come il fumo negli occhi, ha commentato: «approviamo l'inedita iniziativa dei 50 Procuratori Generali di Stato contro Big Tech. Si sono uniti per indagare sulla distruzione della concorrenza operata da Google nei campi della ricerca e della pubblicità. Non si vedeva un caso di monopolio creato da un gigante della tecnologia dai tempi della causa contro Microsoft, nel 1998. L'annuncio di oggi segna l'inizio di una nuova era».

A dire la verità, se il paragone regge non si capisce dove stia questa svolta epocale, dato che dai guai giudiziari della fine dello scorso millennio Microsoft uscì sostanzialmente illesa, a parte qualche bacchettata sulle mani per la gestione anticoncorrenziale delle licenze. Ciò non ha comunque impedito a Microsoft di restare il gigante onnipresente che è ancora oggi.

Gli unici due Procuratori che non si sono uniti all'indagine sono quello della California e quello dell'Alabama.

Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2302 voti)
Leggi i commenti (17)

Intanto, una coalizione dei Procuratori Generali di Colorado, Florida, Iowa, Nebraska, North Carolina, Ohio, Tennessee, e District of Columbia ha iniziato a indagare su Facebook, per capire se il social network stia «mettendo in pericolo i dati degli utenti, stia riducendo la qualità delle scelte degli utenti o aumentando il prezzo della pubblicità».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'occhio dell'antitrust europeo sulla criptovaluta di Facebook
L'Antitrust italiana multa Samsung e Apple per 15 milioni di dollari
La UE infligge a Google una multa da record per abuso di posizione dominante
Getty Images denuncia Google all'Antitrust europeo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

:lol: :lol: :lol:
14-9-2019 16:24

Sei tu che hai parlato di Marte e mi hai fuorviato :P Leggi tutto
14-9-2019 16:00

L'ultima che hai detto e non mi sembra neanche tanto velatamente :twisted: Leggi tutto
14-9-2019 15:58

Fantascienza... Leggi tutto
13-9-2019 19:11

Certo che questi o sono scesi da Marte ieri con decorrenza domani o stanno discretamente a prendere per :butthead: Leggi tutto
13-9-2019 19:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2248 voti)
Settembre 2019
Gli utenti hanno il diritto di rivendere i giochi comprati su Steam?
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics