Google Pixel 4, lo smartphone che si comanda coi gesti

Con un piccolo aiuto da parte di Pikachu.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-10-2019]

google pixel 4 pikachu2

Si presenta come il concorrente diretto dell'iPhone 11 di Apple il Pixel 4 di Google, presentato anche in versione XL.

Se ne è parlato per mesi sull'onda delle varie fughe di notizie che ci sono state, e le voci di corridoio hanno ora ricevuto conferma.

Dal punto di vista del design, il Pixel 4 somiglia molto al Pixel 2: in entrambi gli smartphone visti di fronte si nota un bordo più spesso nella parte alta (dove sono ospitati i sensori) e uno più sottile nella parte bassa.

Per quanto riguarda le caratteristiche, il Pixel 4 in versione base monta un display OLED da 5,7 pollici con risoluzione 1080p, mentre il Pixel 4 XL ha anch'esso uno schermo OLED ma da 6,3 pollici e con risoluzione 1440p.

In entrambi i casi la frequenza di aggiornamento dello schermo è di ben 90 Hz, regalando così all'utente la sensazione di transizioni più fluide rispetto alla maggior parte degli smartphone in circolazione, che si ferma a 60 Hz.

La fotocamera posteriore in ambedue le versioni ha due obiettivi: uno è da 12 megapixel, l'altro è da 16 megapixel. Allo zoom ottico, cui è dedicato il secondo obiettivo, si accompagna lo zoom digitale Super Res Zoom di Google, che secondo le dichiarazioni aiuta a ottenere fotografie sempre ben definite, anche al massimo ingrandimento.

Le specifiche dei componenti interni elencano un processore Qualcomm Snapdragon 855, 6 Gbyte di RAM, 64 o 128 Gbyte di memoria interna, batteria da 2.800 mAh per il Pixel 4 e da 3.700 mAh per il Pixel 4 XL, supporto alla ricarica wireless e protezione IP68 contro acqua e polvere. La porta di ricarica è di tipo USB-C, mentre manca il jack da 3,5 millimetri per le cuffie. Nella confezione è compreso il caricabatterie rapido da 18 Watt.

Fino a qui il Pixel 4 non riserva sorprese particolarmente degne di nota. A cambiare la situazione pensa Soli, il sensore - posto nella sezione alta della parte frontale - utilizzato per il riconoscimento facciale (e che secondo Google è più veloce di qualsiasi alternativa) e per cogliere i gesti con i quali si possono impartire comandi allo smartphone senza nemmeno toccarlo.

Muovendo la mano in modi predefiniti davanti a Soli è infatti possibile cambiare canzone, mettere in snooze la sveglia, zittire la suoneria del telefono e altro ancora.

Per insegnare agli utenti a usare i gesti, Google ha creato una sorta di mini-gioco che ha per protagonista Pikachu, probabilmente il più famoso dei Pokémon: interagendo con lui si acquisisce familiarità con i movimenti necessari.

google pixel 4

Pikachu può poi diventare una sorta di mascotte, trasformandosi nello sfondo della schermata ma continuando a interagire con l'utente: se lo si saluta saluterà, se gli si farà il solletico riderà. È «durante la ricarica, farà delle cose interessanti» spiega Google.

Sia il Pixel 4 che il Pixel 4 XL si possono già prenotare online, a prezzi che partono rispettivamente da 759 euro e 899 euro.

google pixel 4 pikachu

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Pixel 3 e Pixel 3 XL, gli smartphone che rispondono da soli
Gli schermi degli smartphone sono dieci volte più sporchi della tavoletta del WC
Android 9.0 Pie è ufficiale e si può già installare sui Google Pixel
Google riconosce i problemi audio nei Pixel e Pixel XL

Commenti all'articolo (1)

Prezzi decisamente troppo elevati da quando Google ha tradito la filosofia che l'aveva portata nel mercato degli smartphone, competere con Apple e Samsung sugli alti di gamma abbandonando o, comunque, trascurando il medio con costi abbordabili me l'ha fatta abbandonare. Direi che oggi se si vuole uno smartphone con Android stock e con... Leggi tutto
26-10-2019 11:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1920 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics