Amazon, Netflix e YouTube ridurranno la qualità dei video

Così lasceranno la banda ai servizi davvero importanti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-03-2020]

youtube netflix qualita video virus

La pandemia in corso, e la quarantena che ha causato, stanno causando tutta una serie di conseguenze impreviste.

Google, per esempio, s'è trovata nella condizione di dover sospendere gli aggiornamenti a Chrome e Chrome OS. Amazon Prime Video, Netflix e YouTube, invece, dovranno iniziare a ridurre la quantità dei loro contenuti in streaming.

Il motivo, a ben pensarci, è persino ovvio. Con la diffusione del telelavoro - o, per gli amanti degli anglicismi, smart working - la risorse della Rete vengono sfruttate fino ai limiti della loro capacità: ciò può portare a rallentamenti e disservizi, quando le risorse non sono sufficienti per soddisfare tutti.

Pertanto, i servizi non essenziali devono lasciare il passo a quelli indispensabili.

Non si tratta solo di teoria: la Commissione Europea stessa ha chiesto ai vari fornitori di servizi di regolare l'utilizzo della banda da parte degli utenti per dare priorità ad attività come il lavoro a distanza e le lezioni online.

«Come conseguenza delle misure di distanza sociale adottate in tutta Europa per combattere la pandemia da Coronavirus, la richiesta di banda Internet è aumentata, sia per il telelavoro, la didattica a distanza o a scopo d'intrattenimento. Ciò può mettere in difficoltà la rete nel momento in cui è necessario che funzioni nel modo migliore possibile».

Netflix e YouTube si sono subito dette d'accordo. Pertanto, per i prossimi 30 giorni, Netflix ridurrà la qualità dei video. «Stimiamo» - ha scritto l'azienda - «che ciò ridurrà il traffico Netflix sulle reti europee di circa il 25%, pur riuscendo ugualmente ad assicurare agli utenti un servizio di buona qualità».

YouTube ha deciso di muoversi su una linea analoga: «Ci impegniamo a impostare temporaneamente tutto il traffico europeo in definizione standard come impostazione predefinita».

Da ultimo s'è aggiunta anche Amazon, che afferma di aver «iniziato a ridurre il bitrate dello streaming, mantenendo però un'esperienza di streaming di qualità».

Per il momento né Netflix né YouTube né Amazon sembrano voler attivare le stesse restrizioni al di fuori dell'Europa. Resta da vedere come reagiranno gli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Covid-19, Google sospende gli aggiornamenti di Chrome

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Finalmente! ci voleva l'ennesima emergenza per constatare l'ovvio
23-3-2020 11:21

Mi associo a quanto detto nei post sopra: il canone dovrebbe scendere, visto che Netflix fa pagare anche in ragione della qualità video.
23-3-2020 11:20

{rilox}
"..quando le risorse non sono sufficienti per soddisfare tutti." E perché accade ciò, quando si parla di mezzo mondo senza banda larga? E, come dice l'utente anonimo, servizio di minore qualità = canone inferiore. Ubi maior, minor cessat, lo sappiamo, ma anche prendere per i fondelli i minor solo... Leggi tutto
21-3-2020 09:57

{utente anonimo}
Ok, meno qualità video ma anche meno canone, vero? Giusto perché lo sappiano, il covid 19 mi sta causando un danno economico che impatterà in modo rilevante sulla qualità della mia VITA, non solo dello streaming. Se dovrò tagliare delle spese, questa sarà tra le prime. Dal lato positivo, poi la... Leggi tutto
21-3-2020 09:20

Sì, infatti. Solo che ormai - anche dalle "alte sfere" - è invalso chiamare "smart working" il lavorare da casa. Leggi tutto
21-3-2020 09:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3687 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics