Google Meet diventa gratis per tutti



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-05-2020]

google meet gratis tutti

È interessante vedere come l'attuale situazione dovuta alla Covid-19 abbia spinto i giganti dell'IT a sfidarsi a colpi di soluzioni gratuite, nella speranza di legare a sé gli utenti anche quando l'emergenza sarà passata.

Dopo il lancio di Messenger Rooms da parte di Facebook, Google si è accorta che la propria soluzione più importante, Google Meet, era ancora disponibile soltanto ai titolari di un account G-Suite a pagamento, ed è corsa ai ripari.

Per non rimanere indietro rispetto alla concorrenza ha deciso quindi che, a partire dalla prossima settimana, Google Meet sarà accessibile gratuitamente a tutti per videochiamate fino a 100 persone in contemporanea e senza limiti di tempo.

Questo stato durerà sino al 30 settembre, data oltre la quale verranno introdotte alcune limitazioni: per esempio, i titolari di un account gratuito vedranno la chiamata chiudersi dopo 60 minuti.

La "liberazione" di Meet avverrà per gradi, e sarà completata nei primi giorni di maggio: visitando la pagina principale del servizio sarà possibile restare informati sulla situazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook Rooms, videochiamate con 50 persone senza limiti

Commenti all'articolo (1)

Mi sembra abbastanza normale che, in queste situazioni, i pescecani dei dati personali approfittino di tutte le possibilità per accalappiarsi vacche da mungere e da prosciugare. Poi quando l'emergenza finirà potranno anche tranquillamente tornare a far pagare tanto tutti coloro che avranno usato le app in questo periodo saranno stati... Leggi tutto
17-5-2020 10:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2574 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics