Immuni, chiedete e vi sarà dato

Cassandra Crossing/ Visto che laggiù forse ascoltano Cassandra, ripetiamo due cose importanti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-06-2020]

immuni3

Una volta si diceva che un motociclista ottimista si riconosce dai moscerini tra i denti. Ora i caschi sono integrali e certi indizi bisogna cercarli in modo diverso.

Il lavoro del programmatore è vivere in un mondo in rivoluzione permanente, in cui i problemi sono sempre gli stessi e la miglior rivoluzione è una conservazione intelligente di pochi principi di base. È proprio valutando questo che si può di analizzare andreottianamente quello che succede.

Oggi abbiamo anche alcuni sorgenti del lato server dell'app Immuni. Ottima cosa, dovuta in effetti fin dall'inizio. Ma ancora una cosa parziale.

La questione irrisolta è se si voglia fare bella figura con le persone (e questo obbiettivo di marketing è ormai stato raggiunto) o si voglia davvero sfruttare (sì, proprio sfruttare) il circolo virtuoso del software libero. In questo caso mancano ancora parecchie cosette, e il diavolo, come sempre, sta proprio nei dettagli.

Per innescare il circolo virtuoso che porta a contributi esterni e maggiore sicurezza, si deve permettere di riprodurre il software completo, per consentire di fare test e sviluppo, in maniera rapida ed efficiente. Senza sprecare quel tempo, che volontariamente molte persone possono regalare, con il lavoro non necessario di riuscire a riprodurre, faticosamente e a tentativi, il software e l'infrastruttura di test.

Questo vuol dire documentazione (tecnica, non solo politica o gestionale) in forma di brevi documenti, script di compilazione, un minimo di verifica che tutto funzioni. Un piccolo esempio di cosa è ancora da fare? Permission sui repository referenziati negli script.

marcoc@talus:~$ git clone --recurse-submodules git@github.com:immuni-app/immuni-backend-exposure-ingestion.git
Cloning into 'immuni-backend-exposure-ingestion'...
git@github.com: Permission denied (publickey).
fatal: Could not read from remote repository.

Lo so, si può aggirare, ma perché deve essere necessario?

Un altro piccolo esempio? Script per la riproducibilità binaria dell'app. Dove sono? Su, basta poco, li avete. Aggiungeteli con due righe due di spiegazione del processo di build.

Lo so, questo costerà un po' di tempo (ma non tanto) di una persona che potrebbe invece lavorare ("sudare") sul codice, e sarebbe uno spreco. No, non è uno spreco, è una risorsa preziosa.

Questo è il discorso sballato (il solito discorso sballato) che Cassandra ha sentito mille volte dal capo di turno in una vita lavorativa da (più o meno) softwarista. "Non serve, non è il momento, non c'è tempo..."

No, è indispensabile, ed è ora il momento perfetto; poche ore di lavoro per far partire e curare un prezioso feedback (e anche questo dovrà essere gestito) di aiuto, bugfix, informazioni, correzioni; un contributo impagabile e che premierà senza alcun dubbio con sicurezza ed efficienza. Sicurezza ed efficienza, il circolo virtuoso del software libero. Pare che anche il Copasir sia d'accordo.

Non è un problema di gestione di un gruppo di lavoro; è un problema (il solito problema) di reale convinzione e volontà (povero me!) politica. Lo si vuol veramente fare? Allora va fatto con la massima convinzione e intensità.

Poi, se di Immuni ci sia davvero bisogno, e se i rischi che comporta valgano la candela dei possibili benefici... beh, come diceva la voce narrante di Conan il Barbaro, "questa è un'altra storia". Ma certamente una Immuni sicura è meglio di una Immuni insicura.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
No, non serve il 60% per rendere utili le app anti-coronavirus
Hai installato Immuni?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Mi par di capire che zero intendesse sottolineare la possibilità che, con il codice disponibile, fosse assai più semplice fare una app Immuni tarocca e non funzionante con il solo scopo di renderla disponibile ad eventuali furbi - che credono che Immuni ti tracci, ti vaccini, ti faccia la scansione di tutti gli introiti, se ne inventi... Leggi tutto
28-6-2020 16:21

Torniamo in argomento ed evitiamo di alzare i toni, grazie.
8-6-2020 12:31

Seeeeee... Adesso che ti ho fatto notare la cazzata che hai scritto ti inventi la classica scusa "scherzavooooo", ma la brutta figura, ormai, l'hai fatta.
8-6-2020 11:36

Volevo solo mettere in risalto l'assurdità della ipotesi che potesse diventare obbligatoria. Ma che dire, se non ci arrivi non sarò certo io a cercare di collegare i tuoi due neuroni.
8-6-2020 00:15

"Solo chi l'ha installato può muoversi"!!! Quindi obbligo per tutti di avere uno smartphone. Perché non impiantare un micrichip a tutti fin dalla nascita? Ma perché scrivi cazzate?
6-6-2020 15:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1245 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Tutti gli Arretrati


web metrics