Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web

La legge sulle intercettazioni introduce l'obbligo per i provider di bloccare tutti i contenuti espliciti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-06-2020]

parlamento legge intercettazioni filtro porno web

All'esame del Parlamento c'è attualmente la conversione in legge del decreto sulle intercettazioni, che lo scorso 17 giugno è stato approvato al Senato (dopo che il governo ha posto la fiducia) e ora passa alla Camera.

Il testo della conversione in legge, però, contiene una sorpresa che non era presente nel decreto iniziale: si tratta dell'articolo 7bis, intitolato Sistemi di protezione dei minori dai rischi del cyberspazio e, in pratica, consiste nell'introduzione in Italia dei filtri anti-pornografia per il web.

L'emendamento è stato proposto dalla Lega e prevede che «I contratti di fornitura nei servizi di comunicazione elettronica disciplinati dal codice di cui al decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259 devono prevedere tra i servizi preattivati sistemi di parental control ovvero di filtro di contenuti inappropriati per i minori e di blocco a contenuti riservati a un pubblico di età superiore agli anni diciotto».

In altre parole, ogni Internet provider deve fornire gratuitamente ai propri clienti un filtro che blocchi i contenuti ritenuti «inappropriati» ossia - com'è nelle intenzioni del proponente - la pornografia e i contenuti a essa assimilabili.

Non solo: «Gli operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazioni elettroniche assicurano altresì adeguate forme di pubblicità di tali servizi in modo da assicurare che i consumatori possano compiere scelte informate».

La norma prevede che i contenuti incriminati siano bloccati come impostazione predefinita, e che solo l'intestatario del contratto (maggiorenne) possa intervenire e richiedere la disattivazione del filtro.

Chi non rispetterà gli obblighi introdotti da questo articolo subirà l'intervento dell'Agcom, che ordinerà «all'operatore la cessazione della condotta e la restituzione delle eventuali somme ingiustificatamente addebitate agli utenti, indicando in ogni caso un termine non inferiore a sessanta giorni entro cui adempiere».

Verrà approvato? Quasi certamente sì. L'iter deve concludersi entro il 29 giugno, e pertanto rischiano di non esserci i tempi necessari per poter intervenire senza mettere a repentaglio l'intera conversione in legge del decreto.

La proposta, che è stata accolta dalla maggioranza, vede però la perplessità di alcuni membri della Commissione Trasporti, i quali hanno fatto sapere che chiederanno al governo di «non rendere il testo immediatamente attuativo», in modo da avere il tempo di consultarsi con gli operatori.

I problemi dell'introduzione di un eventuale filtro sui contenuti espliciti, infatti, sono parecchi. Chi ha tentato di muoversi nella stessa direzione, o ha poi fatto retromarcia perché ciò apre la strada a una deriva censoria generale (è il caso degli Stati Uniti) oppure s'è trovato davanti a questioni tecniche (come il Regno Unito).

Chiunque frequenti la Rete capirà subito che il filtro non può agire con precisione chirurgica: inevitabilmente bloccherà anche i contenuti leciti, e facilmente farà passare anche quelli che in teoria dovrebbero essere fermati.

L'avvocato Fulvio Sarzana, in proposito, in un'intervista a La RepubblicaPlayBoy: a causa dei filtri, i minori non avrebbero potuto leggerla, in quanto ospitata su una rivista per loro illecita.

A livello più generale, inoltre, c'è la questione che riguarda la distinzione tra contenuti ammissibili e non ammissibili, e la constatazione di come gran parte del traffico oggi sia cifrato: si rischia di mettere in campo un filtro non in grado di funzionare, come sottolinea Stefano Quintarelli.

Né bisogna dimenticare la questione della neutralità della Rete, fino a oggi ritenuta un bene irrinunciabile: si tratta del principio in base al quale non è saggio né censurare preventivamente alcun contenuto né, all'opposto, garantire una corsia preferenziale a certi servizi.

Tutti i contenuti in Rete - in base alla Net Neutrality - devono essere ugualmente accessibili: sta poi all'intelligenza e alla volontà dell'utente separare quelli che eventualmente ritenga dannosi (per sé e i propri familiari) da quelli innocui.

Un filtro generalizzato vanificherebbe questo principio, ma è proprio ciò che il Parlamento si appresta ad approvare (seppure, per così dire, con riserva).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Certo, ma che da mondo la giovinezza è sempre stata considerata il periodo migliore, difatti le ragazze in particolare, arrivate a 25 anni e senza marito il secolo scorso erano considerate zitelle, vecchie. Seppur in modo diverso la giovinezza è sempre stata sopravvalutata rispetto alla maturità (non vecchiaia ovviamente). Ora i... Leggi tutto
15-7-2020 09:45

Beh, la giovinezza, anzi l'adolescenza, è un'invenzione recente. Del secolo scorso. Prima solo i figli della classe ricca potevano permettersi certi sfizi. Tutti gli altri dovevano mettersi sotto a lavorare anche dodici anni. E a diciotto (o comunque quando raggiungevi la maggiore età), non c'era nessuno a sostenerti: dovevi arrangiarti.... Leggi tutto
14-7-2020 23:42

Bisognerebbe capire da che contesto sociale arrivano questi ragazzini, così violenti, annoiati, inclini a certi atteggiamenti, o comunque in che modo ne sono rimasti coinvolti. Comunque posso solo sperare che siano casi sporadici, e non di certo la norma fra i ragazzini, anche se, l'adolescenza non è proprio una bella età come ce la... Leggi tutto
12-7-2020 17:29

Maary79, il problema non è tanto la pornografia in sé, quanto il fatto che si tratti di condivisione di pedopornografia e di immagini di mutilazioni e altre schifezze simili. Negli ultimi giorni leggo spesso di baby-gang che si affrontano e utilizzano bottiglie rotte per ferire (più o meno gravemente) chiunque non gli stia a genio.... Leggi tutto
12-7-2020 09:56

Le mele marce ci sono ovunque bdoriano, e non hanno sesso, età o etnia, non credo che senza pornografia quei ragazzini non avrebbero fatto quello che hanno fatto.... :(
11-7-2020 19:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che rapporto hai con il backup? Con che frequenza lo fai?
Ogni giorno
Ogni settimana
Solo una volta al mese
Quando mi ricordo
Praticamente mai

Mostra i risultati (1940 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics