Apple contro un'app di ricette: "Il loro logo somiglia al nostro"

La pera di Prepear ricorderebbe troppo la famosa mela morsicata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-08-2020]

prepear apple

Ammonisce un detto popolare di non mischiare (o paragonare) mele e pere, e il senso è ovvio: mele e pere sono frutti diversi, da non considerare uguali.

Non la deve pensare così però Apple, che ha iniziato un contenzioso legale con la Super Healthy Kids, colpevole di voler registrare un marchio che rappresenta in forma stilizzata una pera con una foglia posta in alto a destra e piegata verso il basso.

Tale marchio serve a identificare Prepear (gioco di parole tra pear, pera, e prepare, preparare), un'app nata per facilitare agli utenti la conservazione e la gestione delle proprie ricette.

Ebbene, Apple - il cui marchio, come tutti sapranno, è una mela morsicata - è convinta che la pera di Prepear possa causare confusione negli utenti data la somiglianza tra i due loghi, che il gigante di Cupertino ritiene evidente.

«Il Marchio del richiedente consiste in un frutto dall'aspetto minimalistico con una foglia piegata verso destra, che subito richiama alla mente il famoso Logo Apple e crea una impressione commerciale simile. I Marchi Apple sono così famosi e immediatamente riconoscibili che le somiglianze con il Marchio del richiedente oscurano qualsiasi differenza e portano l'utente casuale a ritenere che il richiedente sia legato o affiliato o supportato da Apple» si legge nel documento compilato da Apple.

Non solo: dato che Prepear «offre beni e servizi identici o notevolmente correlati» a quelli di Apple, e che tali servizi riguardano «software per computer, salute, nutrizione e benessere in generale, e social network», dal punto di vista degli utenti sarebbe verosimile se Apple creasse un'app come Prepear.

Russell e Natalie Monson, i fondatori di Prepear, non hanno pero intenzione di cedere. Il primo ha lanciato la petizione Save the Pear from Apple!, che al momento in cui scriviamo ha quasi raggiunto le 50.000 firme, con la quale conta di far conoscere le difficoltà cui sta andando incontro: la sua piccola realtà - appena cinque dipendenti - chiaramente non ha la forza di sostenere una guerra legale con Apple.

Natalie Monson ha invece preferito agire tramite Instagram, dove spiga che di sentire «l'obbligo morale di opporsi all'azione legale aggressiva condotta da Apple contro le piccole aziende e di combattere per il diritto di mantenere il nostro logo».

«Ci stiamo difendendo contro Apple non solo per mantenere il nostro logo, ma per inviare un messaggio alle grandi aziende tecnologiche: fare i bulli con le piccole aziende ha delle conseguenze».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

In effetti gli ha proprio dato questo imprinting per cui una cosa del genere un serio rischio per loro... :incupito: p.s. apple tutti i comportamenti odiosi riesce proprio a scovarli e coltivarli con cura. Leggi tutto
26-9-2020 17:58

L'ho visto solo dopo aver mandato il messaggio. Anche a Torino c' un Cit ma bun, fa pizza al padellino e un'ottoma farinata; a San Mauro c' Al Gb che per ironia della sorte gestita da uno sfegatato torinista. Riguardo all'appropriarsi del vocabolo mi riferivo a mc donald, secondo me non dovrebbe essere permesso pretendere di... Leggi tutto
15-8-2020 12:56

Io trovo stancante anche solo leggerle 'ste cose. deprimente e degradante. Stavo notando ora come la petizione sia arrivata a circa 69k firme, poco sopra alle 66k di quella che chiede l'emoji di baby yoda, su quasi 1000 petizioni rivolte alla apple su change.org...
14-8-2020 03:29

ho paura che invece il risultato sar un altro - per non mettersi in causa contro Apple e spendere un sacco di soldi probabilmente questi della Prepear elaboreranno un altro logo e chiederanno ad Apple se quello nuovo di loro gradimento... :? ovvero, puoi avere tutta la ragione del mondo, ma per difenderla devi spendere soldi :( Leggi tutto
13-8-2020 19:17

Non il solo, a Torino abbiamo anche il Crint, lo Scap Da Ca, il Bel Deuit, il Tabi, il Barbabc, la Ca dij Mat, Bon Parj, diverse Piola, una Piolassa, il Bja Fauss, l'Osto, e molti altri che ora mi sfuggono, a Cuneo il Cit Ma Bun... una lingua molto espressiva. :-D Leggi tutto
13-8-2020 12:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi citt: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai n a Milano n in altre grandi citt.

Mostra i risultati (2346 voti)
Ottobre 2020
Apple revoca i certificati, le stampanti HP non vanno più
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics