YouTube pronta a far guerra ad Amazon

Presto si potranno acquistare i prodotti promossi nei video direttamente dalla piattaforma di Google.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-10-2020]

youtube acquisti amazon

La popolarità di YouTube è indiscutibile e, per alcuni, la piattaforma di Google non è soltanto un modo per passare il tempo o imparare cose nuove: per alcuni youtuber, quelli in grado di creare contenuti capaci di appassionare un numero di utenti importante, è anche una fonte di reddito (per alcuni, addirittura, l'unica) grazie alla pubblicità.

Quando ci si affida alla creazione di contenuti per guadagnarsi da vivere, però, ogni entrata fa comodo. Così molti si appoggiano anche ad Amazon, inserendo nelle descrizioni dei loro video i link per acquistare i prodotti di cui parlano nei video e ottenendo in tal modo una percentuale sulle transazioni.

Da tutto questo processo YouTube non ricava un centesimo, e ciò certamente non è gradito.

Ecco perché, secondo le indiscrezioni pubblicate da Bloomberg, YouTube si sta preparando a muovere guerra direttamente ad Amazon, trasformandosi in una piattaforma per acquisti.

Ogni prodotto segnalato nei video o mostrato come pubblicità potrebbe quindi presto trovarsi in vendita non su Amazon, ma su YouTube stesso; gli youtuber continuerebbero a incassare una percentuale su ogni acquisto mentre un'altra parte (si parla del 30%), anziché finire nelle casse di Amazon, finirebbe in quelle di Google.

Secondo il portavoce che ha parlato con Bloomberg, gli youtuber avrebbero pieno controllo sui prodotti mostrati nelle inserzioni apposte ai video.

La funzionalità sarebbe già in fase di test su alcuni canali, ma va considerata ancora a livello di esperimento. Si capisce che il lancio di una novità tanto grande vada studiato e preparato con cura e non possa essere improvvisato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
YouTube nasconde il numero dei “Non mi piace”

Commenti all'articolo (2)

No, della logistica si occuperà Shopify.
7-12-2020 15:00

{Marco}
Ok ma non capisco, quindi youtube (google) si occuperà anche di tutta la logistica?
15-10-2020 21:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1721 voti)
Aprile 2021
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 14 aprile


web metrics