L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-10-2020]

bloomberg deepfake

Notizie di stampa, nei giorni scorsi, hanno riportato il caso di alcune ragazze vittime di un particolare tipo di "deep fake", cioè video e immagini realizzati attraverso delle app che consentono di trasformare il volto, la voce e il corpo delle persone, creando veri e propri "falsi".

Le ragazze si sono ritrovate, a loro insaputa, "spogliate" su Telegram dopo che alcuni utenti avevano manipolato le loro foto usando un programma informatico - derivato da un software chiamato DeepNude - disponibile sul canale social e che impiega l'intelligenza artificiale per ricostruire l'aspetto che avrebbe il corpo sotto gli indumenti.

Preoccupato per gli effetti prodotti dal software e dalla sua diffusione tra gli utenti del social, il Garante per la protezione dei dati personali - composto da Pasquale Stanzione, Ginevra Cerrina Feroni, Agostino Ghiglia, Guido Scorza - ha deciso di aprire un'istruttoria nei confronti di Telegram, social già oggetto di un'attività di verifica da parte dell'Autorità.

Le gravi lesioni alla dignità e alla privacy a cui l'uso di un software simile espone le persone, soprattutto se minori, sono evidenti, considerati anche il rischio che tali immagini vengano usate a fini estorsivi o di revenge porn e tenuto conto dei danni irreparabili a cui potrebbe portare una incontrollata circolazione delle immagini, fino a forme di vera e propria viralizzazione. La facilità d'uso di questo programma rende, peraltro, potenzialmente vittime di deep fake chiunque abbia una foto sul web.

Il Garante chiederà a Telegram di fornire informazioni, al fine di verificare il rispetto delle norme sulla protezione dei dati nella messa a disposizione agli utenti del programma informatico, nonché di accertare l'eventuale conservazione delle immagini manipolate e le finalità di una tale conservazione.

Oltre all'avvio dell'istruttoria, il Garante sta valutando ulteriori iniziative per contrastare gli usi illeciti di questo tipo di softwaree contenere gli effetti distorsivi del più ampio fenomeno del deep fake.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il deepfake che ha ingannato i politici era solo un sosia
Il Wi-Fi che ti spia
Revenge porn: sanno che è un reato, ma non tutte denuncerebbero
Telegram a volte permette di localizzare gli utenti, ma niente panico
Garante privacy si attiva contro il revenge porn
Un sito per far sorridere i soggetti delle vecchie foto
5 storie di donne, artigianato e innovazione
Data Privacy Day: 5 consigli per gestire e proteggere i dati

Commenti all'articolo (5)

Francamente non mi è chiaro cosa c'entri Telegram in tutto questo se non come veicolo utilizzato dai falsari per distribuire le foto, se invece di Telgram questi delinquenti avessero utilizzato WhatsApp il Garante avrebbe indagato WhatsApp e Facebook? Forse sarebbe meglio che indagassero sul programma informatico utilizzato e sul... Leggi tutto
12-12-2020 15:17

{clickbuster}
Quindi nessuna app che spoglia nessuno: pura invenzione.
28-10-2020 19:51

Io credo che sia un bene che esistano questi sw, e soprattutto che ne siano a conoscenza tutti. Perché? Perché una volta che si conosce il "trucco" è un attimo sbufalare qualsiasi foto che gira in rete affermando che si tratta di un deep fake, anche se magari non lo è...
28-10-2020 07:30

{Marco}
Questo non fa altro che fare ancora più pubblicità, ma in realtà l'app potrebbe anche avere un altro senso, cioè se ti finisce una foto reale di nudo su internet puoi sempre dire che è un deepfake.
27-10-2020 21:19

{utente anonimo}
E fu così che Internet divenne una TV allargata. Se c'è una cosa che dovrebbe ormai essere chiara a tutti, è che impedire che qualcosa circoli in rete una volta che è stato immesso equivale a cercare di richiudere il vaso di Pandora. Questa app ora esiste ed è alla portata di tutti, e non potremo... Leggi tutto
27-10-2020 10:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Confessa. Hai mai acquistato un farmaco online?
Assolutamente no, è un reato.
Fossi matto! E' un rischio per la salute.
Non si dovrebbe... ma lo ammetto, qualche volta è successo.
Lo faccio abitualmente anche se è contro la legge o pericoloso.

Mostra i risultati (3662 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 gennaio


web metrics