WhatsApp, i messaggi crittografati non sono poi così privati



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-09-2021]

whatsapp crittografia messaggi privati moderatori

Alcuni anni fa, in pompa magna, WhatsApp introdusse la crittografia end-to-end per le conversazioni (e, in seguito, anche per le chiamate): in pratica, da allora prima di lasciare il dispositivo ogni messaggio viene crittografato.

In questo modo, come spiega anche il sito ufficiale, nessuno può intercettare i messaggi e conoscerne il contenuto, nemmeno WhatsApp stessa (o Facebook, che la controlla): soltanto mittente e destinatario vi possono accedere.

Un recente articolo di ProPublica ha però rovinato questo quadro idilliaco ponendo una domanda piuttosto ovvia: se tutto quanto spiegato a proposito della crittografia è vero, esattamente che cosa fanno i circa 1.000 moderatori il cui lavoro consiste proprio nel valutare i messaggi segnalati dagli utenti stessi come «inappropriati»?

Come lo stesso articolo spiega, c'è una scappatoia che, in pratica, rende nulla quella sensazione di sicurezza assoluta circa la riservatezza delle comunicazioni che WhatsApp diffonde.

Quanto un utente riceve un messaggio e lo segnala, questo viene inviato come messaggio separato a Facebook insieme ai suoi metadati (non crittografati): la trasmissione è ancora crittografata, ma è chiaro che il destinatario - Facebook - è in grado di leggere il contenuto.

Non solo: a esso si accompagnano i quattro messaggi che, nella chat, immediatamente lo precedono, al fine di dar modo ai moderatori di valutare il contesto per capire se la segnalazione sia legittima.

I motivi considerati leciti sono gli stessi adottati sul social network: i messaggi di spam, quelli che costituiscono truffa, quelli che contengono materiale pedopornografico o altre attività illegali, una volta valutati dai moderatori, scatenano la risposta di Facebook.

L'invio di messaggi a Facebook deve quindi essere fatto manualmente tramite una segnalazione, ma nulla impedisce - in teoria - che in un aggiornamento di WhatsApp venga introdotto un sistema automatico che esegua questo compito senza la collaborazione né la consapevolezza dell'utente; magari si potrebbe trattare di un sistema analogo al tanto discusso Csam di Apple.

Al momento nulla indica che una pratica del genere sia attiva; d'altra parte, appellandosi alla prevenzione e repressione delle attività illegali Facebook potrebbe decidere di introdurre dei "controlli a campione" o, magari, guidati da qualche algoritmo di intelligenza artificiale.

«I tre anni in cui ho lavorato qui» - racconta un moderatore - «sono stati del tutto orribili». Non solo gli strumenti offerti da Facebook per trattare con le diverse lingue sono inadeguate (per esempio, non aiutano a riconoscere lo slang), ma è capitato che un'azienda che vende rasoi fosse sospettata di vendere armi, e che un produttore di reggiseni venisse considerato un sexy shop.

Né si possono ignorare gli abusi: non è infrequente che un utente ne segnali un altro per dispetto, o ripicca, diffondendo quindi parti di conversazione (e relativi metadati, come ricordavamo, quali le foto dei profili, i numeri di telefono, i dati degli account Facebook e Instagram collegati, e altro ancora) e arrivando al ban immotivato di molte persone.

Chi si affida a WhatsApp pensando che le sue conversazioni siano assolutamente private e lo resteranno per sempre, insomma, deve tenere presente che si tratta di una falsa convinzione. E che i falsi positivi già ora sono tutt'altro che rari.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Allora, i messaggi di WhatsApp sono cifrati e privati o no?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Android Messaggi, arriva la crittografia end-to-end
La finta privacy di WhatsApp
Alternative a WhatsApp
Facebook e Instagram, una chat per domarli tutti
Zoom, niente crittografia per la versione gratuita
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
La falla in WhatsApp che facilita la diffusione delle fake news
WhatsApp, arrivano le videochiamate di gruppo crittografate
Le parole di Internet: metadati (e cosa se ne fa WhatsApp)
Cortana ficca il naso nelle chat via Skype
Dove vanno a finire le foto mandate tramite WhatsApp?
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Alternative a WhatsApp: Signal, ora anche su computer
Whatsapp cifrato, ma dobbiamo fidarci sulla parola
WhatsApp, è l'ora della crittografia
WhatsApp, adesso i messaggi sono crittografati

Commenti all'articolo (5)

Mi pare che anche questo aspetto fosse già noto e fosse stato pubblicato in passato... o sbaglio? Leggi tutto
18-9-2021 15:04

In effetti questo c'entra poco con la funzione di crittografia end to end dell'app. Credo che sia più da considerarsi nell'insieme dell'ecosistema creato da FB per WA in cui sono presenti i moderatori ai quali inviare i messaggi in chiaro cosa che, invece, non è presente in Telegram o Signal. Poi è ovvio che se il destinatario del... Leggi tutto
18-9-2021 14:59

Cioè, in sostanza, il destinatario di un messaggio Whatsapp può diffonderlo ai moderatori di Facebook? E la notizia quale sarebbe? È ovvio che il destinatario di un messaggio qualsiasi, non solo Whatsapp, potendo leggere il messaggio, ha la possibilità di condividerlo con chiunque. Nel caso di Whatsapp basta usare la funzione di... Leggi tutto
14-9-2021 00:41

{al}
chiunque abbia mai scritto un programma sa che, come creatore dello stesso, può fare quello che vuole e raccontare agli utenti tutto il contrario.
12-9-2021 22:28

{Vd}
finché ci sarà una unica chat per tutto il pianeta è inevitabile che venga blindata sempre di più. Se ci fossero tantissime chat interconnesse da un protocollo condiviso,i problemi di attenuerebbero e.i gestori non potrebbero più fare il bello e il cattivo tempo. Si chiama concorrenza. Ormai una utopia, in un mondo che va a gonfie vele... Leggi tutto
11-9-2021 20:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanti dispositivi sono connessi al tuo Wi-Fi domestico?
Nessuno.
Da 1 a 2
Da 3 a 5
Da 6 a 10
Oltre 10

Mostra i risultati (2983 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 settembre


web metrics