L'insopportabile fragilità di Internet

Spiccioli di Cassandra/ E se al di sopra di un problema grosso ci fosse un problema più grande?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2021]

cassandra facebook internet reti

Povera Facebook! Di scomparire non si augura a nessuno, nemmeno all'incarnazione del Male. Ma se alla base di un problema descritto in termini di sigle come BGP, IGP, DNS che si sono "scassate" ci fosse un problema più sottile?

No, Cassandra non parla di complessità eccessiva. Gli organismi naturali sono ancora più complessi e funzionano tranquillamente. Nemmeno di insiemi di tecnologie fuori controllo, perché anche in campo tecnologico l'evoluzione, alla fine, tende alla stabilità. Parla di un problema di formazione, anzi di educazione, anzi di semplice nozionismo.

Ai tempi di Cassandra, quando all'Università di Pisa illustri professori insegnavano "Reti di Computer" (si chiamava così, giuro), ti massacravano gli zebedei col modello ISO/OSI, cioè come le reti avrebbero dovuto funzionare in teoria, lasciando sistematicamente fuori della porta il mondo reale. Nel frattempo la pressione del TCP/IP lo insinuava dappertutto, come quando Blob filtra dai finestrini del cinematografo.

Spiegare come avrebbero dovuto funzionare le reti, invece di come funzionavano, ha danneggiato, oltre che la media dei voti di innumerevoli studenti, anche le loro menti: una generazione di futuri sistemisti che una volta laureati hanno dovuto trasformarsi in autodidatti per riuscire a lavorare. Poi il TCP/IP ha regnato dovunque; come la Morte Rossa, ma benigna.

Oggi il problema si ripresenta, a un livello diverso e più pervasivo, ma sempre per una carenza del sistema educativo. Mac address? Tabelle di routing? Indirizzi IP? Internet funzionava così negli anni '70, ora non più!

Oggi adulti e ragazzi con un minimo di cultura informatica, diciamo dai 10 anni in poi, sono convinti di sapere come "funziona Internet", e si sono portati dietro questa convinzione, rafforzandola negli anni con altre dosi di "informatica", assunta per via scolastica, accademica oppure autodidatta. È su questa "base" mentale fallata che chi ne ha bisogno edifica successivi strati correttivi di nozionismo realistico, per poter lavorare come "professionisti di Internet" dai provider o nei datacenter.

Ma se è vero, come dicono le neuroscienze, che il quadro mentale con cui interpretiamo la realtà si forma nei primi anni di vita, questo vuol dire che l'Internet "d'antan" sta alla base degli schemi mentali, normalmente funzionanti, anche dei più qualificati "professionisti di Internet" odierni.

Forse è successo questo; come Mr. Hyde, una nozione per troppo tempo repressa è riemersa con prepotenza proprio mentre un competente ma stanco Jekyll, tecnico di un famoso social, stava facendo una importante operazione di configurazione, e ha provocato una "interferenza distruttiva" nelle sue azioni. E patatrac!

Basterebbe insegnare cose meno datate su Internet, su come funziona veramente, per costruire basi più solide nella mente di chi dovrà un giorno lavorarci? In fondo sono solo un pugno di protocolli e di concetti, che si possono spiegare in una manciata di ore di lezione.

Perché raccontare balle? Basterebbe raccontare le cose come sono, fatti, non propaganda. Chi insegna davvero lo sa bene. Le fake news fanno solo danni. Vale per come funziona Internet, e anche per tutto il resto delle cose che "scrivono" il mondo nella mente dei ragazzi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Cara Cassandra permettimi di dissentire, le fake news fanno danni per alcuni ma per chi le inizializza e le propaga direi proprio di no, se lo fanno lo fanno solo per proprio o altrui tornaconto comunque retribuito. Leggi tutto
10-10-2021 17:39

{suez swen}
A mio parere Cassandra ha postato l'articolo nel forum sbagliato, tutto qui.
9-10-2021 07:40

{monero}
Mah, da un punto di vista generale mi sembra che l'intera società vada verso un basso contatto con la realtà. Credo che la scuola, specie in italia, sia fatta apposta per produrrre incompetenti e braccia. D'altra parte questo paese è specialista nel far emigrare menti (oltre che braccia) e immigrare braccia... Leggi tutto
7-10-2021 14:27

Seguo Zeus News dall'alba dei tempi... questo vince, da parte mia, il premio dell'articolo peggiore del decennio...
7-10-2021 07:40

... finché smettono di funzionare. Vedi virus, batteri, tumori, malattie mentali e compagnia cantando. Non dovremmo stupirci che un sistema complesso abbia qualche problema saltuario... Dovremmo stupirci quando funziona senza problemi! :D (se uno conosce la biologia, od anche il funzionamento del cervello, sa cosa intendo: è... Leggi tutto
6-10-2021 23:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2676 voti)
Ottobre 2021
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 ottobre


web metrics