Il Microsoft Store di Windows 11 arriva anche su Windows 10

Porta con sé un aspetto più moderno e una selezione di app molto più ampia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-11-2021]

nuovo microsoft store windows 10

Nonostante Microsoft vi riponesse molte speranze il Windows Store - poi ribattezzato Microsoft Store - non è mai entrato nelle preferenze degli utenti.

Con il debutto di Windows 11, il gigante di Redmond ha deciso di migliorare lo Store, iniziando con l'ampliare la disponibilità di app.

Il Microsoft Store di Windows 11 non è stato quindi soltanto riprogettato dal punto di vista estetico: consente infatti di scaricare molti più tipi di app rispetto all'incarnazione originale, poiché ora l'elenco comprende software Win32, .NET, UWP, Xamarin, Electron, React Native, Java e addirittura Progressive Web App.

Se tutto ciò fosse rimasto un'esclusiva di Windows 11, però, sarebbero stati ben pochi gli utenti a poterne approfittarne, almeno nell'immediato (soprattutto considerati i severi requisiti di sistema di Windows 11 e la prosecuzione del supporto a Windows 10 almeno fino a 2025): così Microsoft ha deciso di rendere disponibile il nuovo Microsoft Store anche ai PC con Windows 10.

L'aggiornamento avviene in automatico come un normale aggiornamento dello Store, e non necessita di Windows Update: essa coinvolgerà tutte le versioni di Windows 10 a partire dalla 2004, rilasciata nella primavera dello scorso anno.

Come generalmente capita in questi casi, la disponibilità del nuovo Microsoft Store non raggiungerà immediatamente tutti gli utenti di Windows: il processo sarà graduale e continuerà fino alla fine dell'anno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

@Maary79 Direi che nella maggior parte dei casi, in particolar modo per utenti domestici, quello open source è più che sufficiente per la stragrande maggioranza delle attività.
27-11-2021 14:44

@gladiator Solo perchè M$ permette ad app spazzatura di entrare nel proprio store, perchè devono avere tanto software, ma l'unico che alla fine è decente è quello che si paga e quello open source.... :roll:
22-11-2021 18:18

@Maary79 A me pare che paragonare lo store M$ - come del resto quello Apple e quello Google - ai repository Linux non sia proprio pertinente anche se lo scopo ultimo può apparire simile. Questo a prescindere dal fatto che la pecora è ingabbiata principalmente se non prova, almeno qualche volta, a pensare con la sua testa e ad agire di... Leggi tutto
21-11-2021 11:08

A grandi linee il MS store non è male averlo, anche se deve migliorare tanto. Sulle distribuzioni Linux i vari store (repository, flatpack, snap) c'erano già da un bel po', e nessuno si sente pecora ingabbiata. Leggi tutto
15-11-2021 22:40

{utente anonimo}
per continuare lo sbloat pensiero, alla fine le pecore verranno tosate per bene.
14-11-2021 18:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi è il più grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. È stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. È diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (2066 voti)
Giugno 2022
Bug in Windows Defender rosicchia le prestazioni del PC
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 giugno


web metrics