Neo Luddismo

Cassandra Crossing/ Il potere, talvolta, uno se lo trova tra le mani; in che modo lo userà?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-03-2022]

luddites

"Uno spettro si aggira nel software libero: lo spettro del luddismo che rinasce."

Questa parafrasi dell'incipit del "Manifesto del Partito Comunista" è in realtà il tentativo di descrivere un fenomeno apparentemente diverso ma accaduto due volte in due mesi; gli sviluppatori, o più esattamente i maintainer di alcune librerie di software, per l'esattezza le librerie Javascript colors e node-ipc, hanno inserito, in una nuova versione delle librerie che pazientemente e gratuitamente mantenevano, un payload distruttivo, un vero e proprio malware.

Nel caso di colors il payload è elementare, manda "semplicemente" in un loop infinito la prima chiamata alla libreria, mentre nel caso recentissimo di node-ipc il payload è un vero e proprio malware (del tipo "wiper") che si accanisce contro la macchina dello sviluppatore, cancellando e sovrascrivendo il software su cui stava lavorando.

In questo caso la motivazione "ufficiale" è un "atto di protesta" contro l'aggressione russa all'Ucraina; node-ipc, in particolare, scatena la propria azione distruttiva solo se il computer su cui viene lanciato ha un IP registrato in Russia o Bielorussia, comportandosi quindi come una versione "naive" del ben più noto e potente Stuxnet, quindi di una vera e propria "arma".

Ma fermiamoci qui nella descrizione tecnica; ulteriori particolari informatici sono facilmente reperibili in Rete, e Javascript si conferma il linguaggio più pericoloso al mondo, insieme a tutti quelli, come Perl e Python, che caricano automaticamente le librerie da vasti e magmatici repository di software, in cui migliaia di sviluppatori sconosciuti riversano il proprio sudore.

Gli specialisti di sicurezza e le agenzie di intelligence si stanno fin da gennaio preoccupando di questo fenomeno, che tecnicamente appartiene alla classe dei vettori di attacco "supply-chain attack" (ricordate "Solarwinds"?); di questo nuovo caso ne ha parlato persino il presidente degli Stati Uniti, quindi la questione deve essere abbastanza importante.

A Cassandra interessa invece l'aspetto potremmo dire "politico", anzi "di classe" di questo fenomeno. E non per quanto riguarda lo schierarsi nel conflitto in corso, ma per quanto riguarda l'attuale "accumulazione di capitale software" che ha permesso all'ecosistema software contemporaneo, sia libero che proprietario, di nascere ed evolversi, fino a diventare la base della società tecnologica del terzo millennio.

E' un fenomeno molto importante, che la storia futura della "rivoluzione tecnologica" racconterà come quell'evento di portata storica che è stato. Ed in questo contesto, che ha richiesto tante parole per essere enunciato, Cassandra vorrebbe capire le motivazioni che hanno spinto due esseri umani, così affini alla cultura hacker in certi tratti del comportamento (serve ripetere "nell'accezione positiva originale"?) da impiegare parte della propria vita al servizio di altri, ad agire in maniera del tutto simile a quella dei cybercriminali.

E qui non vi sono certezze; se vediamo queste persone come parte di un sistema produttivo fondato sullo sfruttamento del lavoro, allora il termine di Neo Ludditi, cioè di operai che distruggono le macchine con cui lavorano come forma di rivolta contro lo sfruttamento, è assolutamente calzante.

Si tratta di una descrizione in termini di "potere". Gli "operai" del software Open Source o Libero, che quotidianamente donano il loro lavoro senza neppure essere pagati, anche da chi il loro lavoro "sfrutta" commercialmente (forma estrema di "sfruttamento" del lavoro), distruggono, o meglio danneggiano "le macchine", l'ecosistema del software di cui fanno parte.

Non è compito di Cassandra giudicare o puntare il dito, tracciando quella linea, sempre molto evanescente, discutibile e difficile da individuare che separa i "buoni" dai "cattivi".

No, invece torniamo alla definizione tecnica del fenomeno, il mondo del software si scopre popolato da molti, moltissimi sconosciuti che dispongono di un "vettore di attacco" personale, potente ed imparabile; roba che fa sembrare, da questo punto di vista, i criminali informatici dietro "SolarWinds" degli incompetenti confusionari. E il potere corrompe.

Nel terzo millennio non ci possiamo permettere questo tipo di comportamenti. Non perché sia intrinsecamente più o meno sbagliato, ma perché, nel nostro paragone luddita, la "macchina" è una sola, è l'intero ecosistema del software, che non possiamo permetterci di "rompere", perché ci viviamo tutti dentro. E che, in questo momento, si scopre fragile, e vulnerabile; e che proprio per questo dovrà cambiare profondamente.

E' un vero peccato, non solo per i pericoli, i costi e le conseguenze che questo cambiamento richiederà, ma perché l'ultima briciola dell'Internet di una volta, quella dell'abbondanza, in cui tutti erano buoni e generosi, oggi è davvero scomparsa. Nemmeno gli sviluppatori di software libero possono più "fidarsi" tra loro, perché il potere corrompe, corrompe anche chi non ti aspetteresti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Il potere corrompe e gli uomini sono corruttibili o, perlomeno, alcuni fra tanti si possono corrompere o"guastare". Quello che importante e necessario riuscire a mantenere e potenziare i sistemi di controllo per ridurre al minimo l'impatto che queste "deviazioni" potrebbero generare cercando di bloccarne gli... Leggi tutto
12-6-2022 14:22

Buffo che tu l'abbia citato proprio adesso[/url]... A me sembra che de Icaza sia ben poco esemplificativo del mondo open source: basta leggere [url=http://forum.zeusnews.com/link/774308]la sua storia per capire che sin dagli inizi pensava al dio denaro ben pi che al Pinguino. Scommetto che continua a farlo. Leggi tutto
24-3-2022 08:26

Questa una tesi tua e tua solamente. Se fosse indistintamente vero, qualsiasi forma di volontariato si sarebbe estinta decenni fa. Se sviluppi software open e sei frustrato dai mancati riconoscimenti, allora smetti e basta, non cercare rivalse. E soprattutto, non va giustificato chi poi lo fa: immaginati se una volontaria che assiste... Leggi tutto
24-3-2022 08:16

Per la filosofia "free" che ha spinto a questo, considero anch'io che questo sia un caso limite. Non ho detto che la tecnologia close source sia immune da manomissioni ma se vieni pagato per fare un lavoro o vedi dei frutti economici sarai disincentivato al sabotaggio. Ad esempio Miguel De Icaza inventore di Mono, che... Leggi tutto
23-3-2022 16:07

Non confondiamo le cose. Se hai letto gli articoli a supporto della notizia, saprai che il programmatore ha modificato la libreria per sostituire una porzione di codice aperto con una componente compilata, non immediatamente consultabile. Non l'essere aperto ci che rende il codice un pericolo (semmai vero il contrario): ... Leggi tutto
23-3-2022 12:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come ti comporti quando ricevi una "bufala" via email?
A costo di cancellare anche avvisi potenzialmente veri, straccio tutto appena arriva.
Li leggo e inoltro solo quelli che ritengo potenzialmente veri, ma all'atto pratico non me ne curo.
Inoltro quelli veri e ne seguo le indicazioni.
Ma quali bufale? Ho appena vinto 1.000.000 di euro rispondendo a una email.
Io stesso ho messo in circolazione qualche bufala.

Mostra i risultati (3281 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics