P2P, comunicazione e controllori

Le istituzioni di tutto il mondo richiedono sempre più rigidi controlli sulle informazioni che circolano attraverso il protocollo TCP/IP - ma non solo. La fine della libertà d'espressione globale?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-03-2004]

La situazione è sempre più oscura e incerta. Quale futuro per il concetto di comunicazione libera?

Viviamo in tempi difficili. Il tragico episodio dell'11 settembre 2001 è una indelebile fotografia nella memoria collettiva: morte, distruzione e dolore sono le armi utilizzate dal terrorismo globale. La strage di Madrid è una triste conferma di quanto detto.

Il punto della questione è che il termine "globale" si coniuga imprescindibilmente con l'esigenza comunicativa di una rete senza confini, della quale approfittarsi -in quanto individui- per ottenere informazioni aggiornate, orientarsi, ma sopratutto potersi esprimere in libertà.

Il sistema-mondo crollerà automaticamente (sia nella sua essenza prettamente economico-finanziaria, sia in quella socio-culturale) qualora vengano meno le condizioni che permettono di soddisfare questa crescente esigenza comunicativa.

Nonostante ciò, le istituzioni dei paesi più in vista sullo scenario internazionale stanno considerando di utilizzare il "rischio terrorismo" per stringere in una morsa tutti i sogni che Internet può realizzare: l'utopia della libertà globale di comunicare inizia a sfumare sotto i colpi della "nuova censura".

L'FBI ha recentemente chiesto al governo USA di poter estendere a macchia d'olio la rete di monitoraggio delle informazioni digitali: in nome del Patriot Act (documento straordinario che conferisce poteri enormi agli organi di polizia, in risposta alla strage delle Twin Towers), richiede di poter "spiare" liberamente qualsiasi tipo di connessione a banda larga, via cavo o via etere.

Addirittura viene ipotizzata la disposizione di back-doors pressochè ovunque, persino nelle "innocue" console videoludiche, come X-Box e PlayStation2.

La Cina adotta metodi più drastici: tutti i siti Web non corrispondenti alle specifiche norme emesse dall'Ufficio Governativo sull'Informazione (un vero e proprio ufficio censura alle direttive della nomenklatura del partito nazional-popolare) vanno chiusi e considerati "criminali". Arresto e provvedimenti amministrativi immediati per i responsabili.

In Italia, una legislazione non dissimile da quella americana ha recentemente provveduto a rendere illegittimo il fenomeno del file sharing, chiedendo eccezionalmente ai provider di mantenere per oltre 2 anni i log delle attività in rete dei singoli utenti.

Il concetto di "censura" è rintracciabile, nel corso della storia dei media, sin dai tempi più antichi. Già la Roma repubblicana prevedeva una carica pubblica -quella, appunto, del censore- che tra i molteplici compiti aveva l'obbligo di controllare la diffusione e la natura degli acta diurna e degli acta senatus, i corrispettivi degli attuali quotidiani e gazzette politico-istituzionali.

Successivamente, con l'imperante presenza del cattolicesimo in Europa, la Chiesa di Roma ha controllato l'informazione di tipo intellettuale-filosofico attraverso il cosiddetto index librorum proibitorum, un registro di pubblicazioni non autorizzate.

Ma non finisce qui: pensate che la libertà d'espressione e di stampa ha dovuto attendere tutto il 1700 per affermarsi come valore portante della società illuministica, attraverso tortuosi percorsi in Inghilterra ed in Francia.

Si intuisce come la situazione attuale - Internet e i nuovi media - sia il risultato di un lento e generale percorso evolutivo, che ha portato l'individuo a sentirsi finalmente parte di una vera collettività di esseri umani, ognuno con la propria personalità e la propria voce, ciascuno in grado di esprimersi liberamente senza barriere, senza filtri imposti "dall'altro".

Quale futuro per la libertà d'espressione? Se l'informazione sarà sempre più schedata, controllata e processata, quale tipo di società ci attende nei prossimi secoli?

Per maggiori informazioni sul tema, consultare lo splendido volume "Storia dei media" di Jean-Noel Jeanneney, edito in Italia da "Editori Riuniti".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Appendice Leggi tutto
18-3-2004 10:53

The King
Però sappiamo che è illegale. Leggi tutto
17-3-2004 20:28

Socini Mauro
P2P comunicaxioni e controllori Leggi tutto
17-3-2004 17:58

Casella12
Censura e Internet (2) Leggi tutto
17-3-2004 15:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Questo sondaggio stato visto sul sito di un ristorante a domicilio: Qual il motivo principale per cui hai fatto un ordine nel nostro ristorante online?
Ho cliccato su un annuncio o un banner pubblicitario.
Avevo un coupon o un buono sconto.
Me l'ha raccomandato un amico o un parente.
Me l'ha suggerito un collega di lavoro.
Avevo gi ordinato qui e mi ero trovato bene.
Dalle immagini i piatti proposti sembravano appetitosi.
Altro, specificare --> "AVEVO FAME"

Mostra i risultati (553 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 dicembre


web metrics