Windows 11 senza account Microsoft? Ci pensa Rufus

L'ultima versione non soltanto consente di aggirare i controlli sull'hardware, ma ripristina anche gli account locali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-07-2022]

windows 11 rufus account locali

Come ormai tutti dovrebbero sapere, Windows 11 è una versione di Windows un po' particolare, in quanto per poterla installare bisogna rispettare dei requisiti particolari: il PC deve essere dotati di almeno 8 Gbyte di RAM, chip TPM 2.0, e Secure Boot attivo.

Inoltre, a partire dal prossimo aggiornamento 22H2, Windows 11 non consentirà più la creazione di account locali per gli utenti ma pretenderà l'utilizzo di un account Microsoft sia nell'edizione Home che nell'edizione Pro.

Chi non volesse sottostare a queste imposizione ma ugualmente desiderasse installare Windows 11 trova un alleato in Rufus, il noto software per la creazione di dispositivi di installazione, che già tempo fa permetteva di aggirare i requisiti hardware e nella versione 3.19 (attualmente in beta) ripristina le funzionalità degli account locali.

Per poter sfruttare questa opportunità è necessario non soltanto creare la chiavetta USB di installazione selezionando le corrette opzioni (che si presentano dopo aver selezionato un'immagine ISO di Windows 11 e aver premuto il pulsante Avvia per l'inizio della creazione), ma occorre anche che il PC su cui si sta eseguendo l'installazione di Windows non sia collegato a Internet.

A parte questa accortezza, il procedimento non è diverso da quello che bisognava seguire usando le versioni precedenti di Rufus e, come già capitava quando si decideva di creare una chiavetta per l'installazione di Windows 11 aggirando i controlli, occorre sapere che ciò comporta alcune conseguenze.

In particolare, il sistema che si ottiene, per quanto funzionante, sarà ufficialmente «non supportato»: in altre parole, periodicamente apparirà un messaggio che ricorderà all'utente il fatto che l'hardware utilizzato non è ufficialmente supportato da Microsoft e che, pertanto, un giorno il gigante di Redmond potrebbe anche decidere di non rilasciare più aggiornamenti.

Al momento questo avvertimento è soltanto una minaccia a vuoto, ma non possiamo sapere che cosa Microsoft abbia intenzione di fare in futuro.

rufus 319 win11 screenshot

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

{Sergio}
Meglio restare con Win 10 almeno è garantita una certa indipendenza, non mi piacciono le imposizioni da parte di nessuno e Win11 ha già troppe pretese.
13-7-2022 13:36

Basta aprire il sito MS con Edge, F12 per entrare in strumenti di sviluppo e poi... ctrl+shift+m :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: l'ipad come emulatore va bene, e poi si aggiorna la pagina. Leggi tutto
7-7-2022 10:24

Se qualcuno ha Windows 10 e Rufus, può vedere se ora ce la fa.
6-7-2022 13:49

Comunque tempo fa da Windows non era possibile scaricare la iso, dal sito di MS, ma il tool MS che crea la chiavetta, ora fanno scaricare la iso? Perchè altrimenti ciao Rufus...
6-7-2022 13:45

Perchè sono tutti e 3 brutti e cattivi, ma ora si parla di MS. Leggi tutto
6-7-2022 13:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1487 voti)
Luglio 2024
La Marina tedesca cerca una soluzione per sostituire i floppy da 8 pollici
WhatsApp, arriva la trascrizione automatica dei messaggi vocali
10 miliardi di password rubate e pubblicate in chiaro
Copilot si aggiorna e diventa inutile
La super SIM cinese con processore RISC-V
Giugno 2024
Tim al capolinea: dal 2 luglio la Rete non sarà più sua
Gli USA mettono al bando Kaspersky
Windows 11, l'ultimo aggiornamento è infestato da bug
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 luglio


web metrics