UE, in vigore la legge che obbliga l'apertura alle app di terze parti

Con il Digital Markets Act finisce il monopolio dell'App Store in iOS, ma anche le app di messaggistica dovranno garantire l'interoperabilità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-11-2022]

dma ios apple

Con il mese di novembre è entrato in vigore il Digital Markets Act, una nuova versione della legge europea sulla concorrenza che, almeno sulla carta, dovrebbe causare in Apple molte più preoccupazioni di quante ne abbia generate l'imposizione di USB-C.

Entro i prossimi sei mesi - tale è il tempo che dovrà trascorrere prima che le nuove regole inizino a venire applicate - le grandi piattaforme del web, indicate dalla Commissione Europea come gatekeeper, dovranno attivarsi per garantire l'interoperabilità tra i loro servizi di distribuzione delle applicazioni e di messaggistica, operazione che andrà portata a termine entro il 6 marzo 2024.

Si capisce subito, quindi, perché la realtà che pare più colpita da questo nuovo corso sia Apple, che ha sempre difeso orgogliosamente la decisione di non consentire l'installazione di applicazioni provenienti da altre fonti rispetto all'App Store, pratica generalmente nota con il nome di sideloading.

A partire del 2 maggio 2023 il sideloading dovrà essere concesso agli utenti di ogni piattaforma in uso nell'Unione Europea: come Android può ottenere app da varie fonti, come il Play Store di Google, il Microsoft Store e l'App Store di Amazon, così iOS dovrà consentire agli utenti di ottenere app da altri store.

Non solo: ciascun utente dovrà poter scegliere quale app store indicare come predefinito. L'unico potere che resterà ai gatekeeper sarà la possibilità di bloccare app e software riconosciuti come dannosi, qualunque sia la loro provenienza, poiché è chiaro che l'apertura a una pletora di store diversi può presentare un rischio per la sicurezza.

L'altra novità prevista dal DMA è l'obbligo di interoperatività tra piattaforme di messaggistica: in pratica, iMessage, WhatsApp, Telegram, Signal e soci dovranno consentire agli utenti di ciascuna piattaforma mandarsi messaggi, oltre che di fare chiamate e videochiamate, anche se la rispettiva applicazione non è installata sul dispositivo.

È questa probabilmente una sfida ancora più interessante della prima, poiché sussistono non poche questioni tecniche che, nelle intenzioni della UE, dovrebbero venir risolte da parte di gestori che avrebbero tutto l'interesse di tenere i vari servizi separati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Concordo ma credo che non succederà mai che si confondano i recinti... Leggi tutto
10-12-2022 15:27

Beh, a voler essere sarcastici... Solo testo? :sbonk: Ricordiamoci che è bastato per riportare Matt Damon sulla Terra... :malol: e poi :sbonk: Leggi tutto
30-11-2022 16:54

quoto in pieno!!
30-11-2022 08:56

Spero che sia l'occasione per definire uno standard unico per la messaggistica, adottato da tutti. Con al posta elettronica puoi comunicare con chiunque, a prescindere dal client usato e dal fornitore del servizio, perche' esistono standard come SMTP, POP3, IMAP, che usano tutti. Per le chat servirebbe qualcosa di simile. (sono anni... Leggi tutto
17-11-2022 18:45

Contento che tu abbia capito, io invece non capisco come il correttore non si sia accorto del lapsus tra "stores" e "sotres", basta invertire una posizione di una lettera ed il correttore, pur settato su lingua inglese non mi avvisa di nulla :coffee:
9-11-2022 15:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (4099 voti)
Giugno 2024
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics