Il nuovo Bing potenziato dalla IA si può già provare

Basato sul modello GPT-4, è ancora più avanzato di ChatGPT.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-02-2023]

bing ia gpt 4

«È un giorno nuovo per la ricerca». Con queste parole Satya Nadella, CEO di Microsoft, ha annunciato la disponibilità (per ora in versione limitata) di una nuova versione di Bing in cui è integrata l'intelligenza artificiale GPT-4.

GPT-4 è una nuova versione del modello GPT-3, usato anche da ChatGPT, il servizio che ha dato il via a questi ultimi due mesi di entusiasmo generalizzato per le IA, dimostrando ciò che una tecnologia di questo tipo può (e non può) fare.

Poiché usa una nuova versione dello stesso modello, però, Microsoft sostiene che Bing è attualmente più avanzato del famoso chatbot, ed in grado di fornire risposte migliori.

Per provare il nuovo Bing è necessario iscriversi a una lista d'attesa (pertanto occorre disporre di un account Microsoft) e, per velocizzare l'accesso, Microsoft consiglia di installare l'app Microsoft Bing sul computer, anche se questa parte non è strettamente necessaria.

Una volta ottenuto l'accesso, si possono porre a Bing domande in linguaggio naturale; il motore di ricerca risponderà nel modo tradizionale ma mostrerà anche una barra laterale all'interno della quale si troveranno le risposte generate dalla IA.

Secondo Microsoft, questo nuovo Bing offre risultati più rilevanti rispetto alle richieste dell'utente, ed è inoltre in grado di fornire un sommario delle risorse disponibili analizzando varie fonti; grazie a queste funzionalità lo si può usare per svolgere vari compiti, dalla pianificazione di un viaggio alla generazione di esempi utili per prepararsi ai colloqui di lavoro.

In 13 anni di attività, Bing è riuscito sinora a dominare soltanto il 3% del settore dei motori di ricerca (Google ha circa il 93%). Se davvero, grazie a GPT-4, riuscirà a fornire risposte migliori di quelle del suo più grande rivale, forse uno scenario che sembrava praticamente immutabile inizerà a cambiare.

D'altra parte, Google non ha certo intenzione di restare a guardare e, sebbene sia partita con un po' di ritardo, ha anch'essa le proprie proposte in tema di Intelligenza Artificiale applicata alla ricerca.

Qui sotto, un brevissimo video di presentazione del nuovo Bing.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

:malol: :unz: Leggi tutto
19-2-2023 12:10

E di generare BSOD pi¨ intelligenti... :P Leggi tutto
19-2-2023 10:34

adesso si dice "googling" o "googlare" in italiano, ma dopo questa mossa sono convinto che presto si dira' "binging" o "bingare"!...
12-2-2023 20:19

E pi¨ spione del Sistema! 🤣
11-2-2023 20:03

{libam}
Elementare, Watson.
10-2-2023 10:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste famose "leggi" condividi maggiormente?
Un oggetto cadrÓ sempre in modo da produrre il maggiore danno possibile.
Qualsiasi cosa vada male, avrÓ probabilmente l'aria di andare benissimo.
Per ottenere un prestito bisogna provare di non averne bisogno.
L'altra coda va sempre pi¨ veloce.
A qualunque cosa si stia lavorando, non appena si mette via uno strumento, certi di aver finito di usarlo, immediatamente se ne avrÓ bisogno.
Si troverÓ sempre una qualsiasi cosa nell'ultimo posto in cui la si cerca.
Le probabilitÓ che un giovane maschio incontri una giovane femmina attraente e disponibile aumentano in proporzione geometrica quando Ŕ in compagnia della fidanzata, della moglie o di un amico pi¨ ricco.
Prima o poi la peggiore combinazione possibile di circostanze Ŕ destinata a prodursi.
La necessitÓ procura strani compagni di letto.
Per quanto uno cerchi e si informi prima di comprare un qualsiasi articolo, lo troverÓ a minor prezzo da un'altra parte non appena l'avrÓ acquistato.

Mostra i risultati (2770 voti)
Marzo 2023
La IA di Bing adesso genera anche le immagini
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Liberare spazio in una casella Gmail senza eliminare le mail
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 marzo


web metrics