Meta e SIAE, salta l'accordo: via la musica italiana da Facebook e Instagram



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-03-2023]

siae meta musica niente accordo

Meta, la società che controlla Facebook e Instagram, ha deciso di non rinnovare l'accordo di licenza che aveva sottoscritto con la SIAE (Società Italiana Autori ed Editori), che gestisce i diritti della maggior parte degli artisti italiani e riscuote i compensi per l'utilizzo delle opere: per quanto riguarda la musica, si parla di oltre 4 milioni di brani.

Ciò avrà conseguenze molto spiacevoli per gli utenti dei social network di Meta: tutti i brani musicali gestiti dalla SIAE, infatti, saranno rimossi.

Per poter utilizzare le canzoni della SIAE sui suoi servizi social e compensare regolarmente gli artisti (al di là degli sprechi di cui la SIAE è da tempo accusata), Meta aveva stipulato un accordo con la Società. L'accordo, ormai scaduto, doveva essere rinnovato entro il 15 marzo 2023 ma le due parti non sono riuscite a trovare un'intesa sulle condizioni economiche e legali del nuovo contratto.

Meta ha dichiarato di aver offerto alla SIAE una proposta «equa ed equilibrata» e che questa è stata respinta. Ha quindi aggiunto che, poiché la tutela dei diritti d'autore è una «priorità assoluta», avvierà la procedura per rimuovere i brani del repertorio SIAE dalla sua libreria musicale.

La SIAE ha replicato affermando che la decisione di Meta è stata «unilaterale» e «incomprensibile», e che lascia «lascia sconcertati gli autori ed editori italiani». Meta avrebbe imposto alla SIAE delle condizioni inaccettabili, con una riduzione dei compensi del 50% - affermano alcune indiscrezioni - rispetto all'accordo precedente

La conseguenza del mancato accordo tra Meta e SIAE è dunque che gli utenti di Facebook e Instagram non potranno più ascoltare o condividere le canzoni italiane della SIAE sui social network di Meta, ma ha avuto anche un contraccolpo inaspettato.

Pare infatti che anche i brani gestiti da Soundreef, la principale alternativa alla SIAE in Italia, siano stati infatti rimossi da Meta: sebbene Soundreef non sia direttamente coinvolta nella diatriba, i suoi artisti hanno già iniziato a denunciare la sparizione delle loro opere dalle piattaforme di Meta, apparentemente senza un valido motivo.

Ovviamente, la situazione attuale non è da considerarsi definitiva: è sempre possibile che nelle prossime settimane finalmente i soggetti coinvolti riescano ad arrivare a un accordo.

In ogni caso, la posizione della SIAE al momento è molto chiara: «SIAE» - si legge sul sito ufficiale - « non accetterà imposizioni da un soggetto che sfrutta la sua posizione di forza per ottenere risparmi a danno dell'industria creativa italiana».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Battiato, Celentano e Ligabue contro la Siae
Bufera nella Siae
Focus: Abolire la Siae
Abolire la Siae, ente inutile

Commenti all'articolo (5)

Questa Ŕ sempre una grande veritÓ... Leggi tutto
1-4-2023 10:48

Quoto. Peraltro l'abuso di posizione dominante dovrebbe essere contrastato dalle legislazioni, peccato che Meta e i vari giganti multinazionali si ritengano e siano - di fatto - al di sopra di qualsiasi legislazione nazionale. Leggi tutto
1-4-2023 10:48

non c'Ŕ niente di peggio del denaro per far litigare le parti......
25-3-2023 22:07

@arturo, corretto quello che dici, ma anche Fabook Ŕ un altro mostro che pretende di poter fare quello che gli pare e come gli pare. Sicuramente vuole fare contratti al ribasso approfittando della sua posizione dominante, e anche con tutte critiche corrette alla SIAE non mi pare il caso di favorire FB.
21-3-2023 12:12

{arturo}
La SIAE è un mostro burocratico e giuridico, e non è certo l'unico. Mi chiedo cosa ci sia nell'italia che genera mostri di questo genere e paralizzi un paese sostenuto a malapena da chi lavora, ad ogni livello, contro enti parassiti (statali o privati) che tentano di affondare diabolicamente ogni iniziativa. Altro... Leggi tutto
20-3-2023 17:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6171 voti)
Settembre 2023
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
X (ex Twitter), anni di contenuti spariti nel nulla
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Da Microsoft uno strumento che attiva le funzioni nascoste di Windows 11
Canone TV, dalla bolletta della luce ai telefonini?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 settembre


web metrics