Da IBM una IA che traduce il COBOL in Java

Avrà il compito di aggiornare 800 miliardi di righe di codice scritte nell'anziano linguaggio di programmazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-08-2023]

ibm ia cobol java watsonx

Secondo una stima dello scorso anno e pubblicata da The Stack, nel mondo attualmente vengono usati, su macchine di produzione, programmi scritti in COBOL per un totale di oltre 800 miliardi di righe di codice.

Anche se ha ormai oltre sessant'anni, il COBOL è e sembrerebbe destinato a rimanere il linguaggio d'elezione per le applicazioni commerciali: dopotutto, il suo nome è un acronimo di Common Business-Oriented Language, ossia linguaggio comune orientato alle applicazioni commerciali.

Se abbiamo scritto «sembrerebbe», usando il condizionale, e non «sembra», è perché la vetustà del COBOL sta diventando un problema: non perché esso non sia più in grado di svolgere i propri compiti, ma perché è sempre più difficile trovare programmatori che lo conoscano.

Peggio ancora - almeno dal punto di vista delle aziende che di quei programmatori hanno bisogno per le operazioni di manutenzione ed espansione delle funzionalità dei software - la rarità degli sviluppatori esperti in COBOL fa sì che questi possano chiedere praticamente qualsiasi cifra, certi che alla fine i datori di lavoro cederanno.

Pertanto, non sono poche le aziende che vorrebbero tradurre l'intera base di codice su cui si appoggiano in un linguaggio di programmazione più moderno, conosciuto e, di conseguenza, economico.

Va da sé che tradurre 800 miliardi di linee di codice da un linguaggio di programmazione a un altro non è certo una passeggiata, ma un aiuto nell'operazione arriva ora dalle promesse di IBM e della sua intelligenza artificiale Watsonx Code Assistant for Z.

Watsonx è una IA generativa come possono esserlo ChatGPT o Stable Diffusion, ma è specializzato nel fornire soluzioni per i mainframe IBM Z e, in particolare, pare essere adattissimo a trasformare il codice COBOL in codice Java.

Watsonx diventerebbe quindi un alleato dei programmatori addetti alla migrazione, indicando il codice che maggiormente ha bisogno di essere modernizzato e producendo codice Java scritto secondo il paradigma della programmazione a oggetti ma in grado di operare con i servizi che ancora non sono stati "tradotti" e sono ancora realizzati in COBOL.

Se tutto andrà come previsto, la IA di IBM debutterà nell'ultimo trimestre di quest'anno e, successivamente, vedrà ampliarsi il proprio raggio di azione: poiché, come ha dichiarato con un certo orgoglio il gigante di Armonk, Watsonx è stato addestrato su 115 linguaggi di programmazione, in futuro sarà in grado di estendere le proprie abilità ben al di là della sola accoppiata COBOL/Java.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'utopia di Adriano Olivetti oggi
Il primo computer italiano compie 50 anni
Cinquant'anni di Cobol

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Da un punto di vista della sicurezza del codice concordo, per le questioni economiche e legate alla conoscenza attuale del linguaggio meno. Leggi tutto
29-8-2023 18:38

non Ŕ una idea ma semplicemente il fatto che anche se paghi i programmatori in cobol per fare questi lavori al prezzo che chiedono, sono troppo pochi. 5 anni fa ho partecipato personalmente al funerale di una programmatrice COBOL. un altro funerale avvenne 12 anni fa, stessa situazione. Non solo sono pochi ma la stragrande maggioranza... Leggi tutto
28-8-2023 13:41

A parte che non serve scomodare una IA... e che ci sono molti progetti che fanno sta cosa, persino open source (vedi https://github.com/opensourcecobol/opensourcecobol4j )..... Il vero problema Ŕ sostituire anche gli environment di contorno che usano i programmi Cobol (CICS, DB2, MQSeries, IMS, interlanguage verso il PL1, chiamate di... Leggi tutto
28-8-2023 12:53

Perche Java ? Non sarebbe meglio formare persone e creare lavoro ? Va beh che IBM punta molto su Java multipiattaforma system/Z System/X Windows Linux ma forse farebbe meglio puntare su persone
28-8-2023 11:29

{billa}
Veramente dei geni, quelli che vogliono passare da Cobol a Java. Chissà perché perché un mucchio di fessi ha usato un programma stupido per fare programmi commerciali che funzionano dopo mezzo secolo. Indubbiamente con Java si potranno introdurre tante belle complicazioni per eseguire istruzioni semplicissime in... Leggi tutto
28-8-2023 10:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede giÓ oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrÓ fatto la spesa on line da solo e il forno avrÓ deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarÓ apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (1611 voti)
Settembre 2023
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Da Microsoft uno strumento che attiva le funzioni nascoste di Windows 11
Canone TV, dalla bolletta della luce ai telefonini?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 settembre


web metrics