iPhone e iPad, gli store ammettono le app per iOS di terzi

Soltanto per gli utenti dell'Unione Europea.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-03-2024]

ios 17 4 app terze parti
Foto di Christian Lue.

Con il rilascio di iOS e iPadOS 17.4, Apple ha introdotto alcune interessanti novità - come la trascrizione dei podcast, miglioramenti a CarPlay, nuove emoji - al proprio sistema operativo; tuttavia, questa particolare release è particolare per un motivo molto preciso.

Con essa, infatti, l'azienda di Cupertino si adegua alle regole stabilite dall'Unione Europea nel Digital Markets Act: ciò significa che gli utenti di iPhone e iPad ora possono scaricare applicazioni dagli store di terze parti, e non solo dall'App Store ufficiale.

La novità, limitata alle versioni di iOS presenti nei dispositivi venduti all'interno della UE, ha alcune limitazioni, ma certamente è un grosso cambiamento rispetto al passato e al comportamento che continua a essere la norma nel resto del mondo.

Le limitazioni sono peraltro già note: Apple si riserva comunque il diritto di esaminare ogni app proveniente da fonti terze (al fine di assicurare che non compromettano la sicurezza di iOS) e anche di imporre delle commissioni agli sviluppatori che metteranno i propri software a disposizione al di fuori dell'App Store.

Un'altra particolarità dell'edizione europea di iOS 17.4 riguarda la concessione della possibilità di scegliere un motore per il browser diverso da WebKit, che è il motore usato da Safari e finora l'unico utilizzabile sui sistemi mobili di Apple.

Gli utenti europei di prodotti Apple si aspettino quindi di veder apparire, dopo l'aggiornamento a iOS 17,4, una finestra che chiede loro di scegliere il browser predefinito, come peraltro già successo in passato sotto Android e, prima ancora, sotto Windows.

Al momento pare che ci siano problemi che impediscono l'apparizione di quella finestra; per risolverli, Apple suggerisce di disattivare i servizi di localizzazione per 10 secondi e poi riattivarli.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Questa sì che è una svolta epocale, aspettiamo però di vedere quanti sviluppatori saranno disposti a pagare il pizzo di Apple - che peraltro mi sembra non proprio in linea con il DMA - per poter mettere i loro software a disposizione al di fuori dello store. Leggi tutto
16-3-2024 18:41

caro {considero} Stai facendo confusione mettendo in un minestrone tutto quanto e confondendo invece di chiarire. :evil: Facciamo ordine e chiariamo cose diverse senza impicciarsi. =; Allora risolviamo la prima contraddizione; bacchettano le ditte americane e sono genuflessi agli americani! :? o Una o l'altra non tutte e due... Leggi tutto
10-3-2024 22:18

{considero}
Il gioco dei dirigenti europei è interessante per uno psichiatra: da una parte bacchettano le aziende, quasi tutte americane, per la privacy e per la libera concorrenza, dall'altra sono praticamente genuflessi agli americani, dall'altra ancora considerano i cittadini europei come degli ovini da irregimentare con... Leggi tutto
9-3-2024 15:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ogni quanto tempo il tuo Pc è affetto da malware?
Una o due volte l'anno.
Tre o più volte l'anno.
E' successo una volta e mai più.
Mai.

Mostra i risultati (2813 voti)
Giugno 2024
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics