Un sito per ogni parrocchia

Una directory con diecimila siti recensiti, mentre la Chiesa chiede a ogni parrocchia di andare online. Anche la messa si può fare via Internet, purché sia in diretta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-11-2004]

Sempre di più cresce la presenza dei cattolici italiani nella Rete: la directory Siti Cattolici in Italia raccoglie i siti che abbiano le caratteristiche della cattolicità ed è nata per iniziativa di un informatico laico e sposato, Francesco Diani, che la manda avanti senza sponsorizzazioni e pubblicità, se non quelle di qualche casa editrice cattolica e del servizio Tim che invia il Vangelo del giorno, tramite Sms. Oggi questa directory raccoglie 10.000 siti, di cui ben 8.807 attivi: l'ultimo a essere inserito è stato quello quello della Rete di Lilliput.

Cresceranno ancora e diventeranno ben di più se le parrocchie italiane prenderanno sul serio l'invito che la Chiesa Cattolica in Italia rivolge loro, attraverso il suo nuovo Direttorio per le Comunicazioni Sociali: un documento di analisi e indicazioni operative sul rapporto tra Chiesa e mass media appena uscito, in cui si chiede a ogni parrocchia di dotarsi di un proprio sito web anche per dialogare e comunicare con i fedeli.

Si tratta per la parrocchia di familiarizzare meglio con il linguaggio e i luoghi utilizzati e frequentati dagli uomini del nostro tempo, di cui la Rete è uno dei più importanti; questo si può fare anche dotandosi di un proprio sito web parrocchiale che affianchi il più tradizionale bollettino, la bacheca parrocchiale, la sala della comunità (cioè il vecchio cinema parrocchiale utilizzato come sede di dibattiti e iniziative culturali e contenitore multimediale), e le altre attività catestiche, culturali, sportive e del tempo libero che costituiscono la vita parrocchiale.

I vescovi sono coscienti anche del fatto che spesso le parrocchie sono piccole, con pochi abitanti o comunque poche persone che le frequentino, a volte con scarsi mezzi economici o senza sacerdote; le invitano anche a mettersi insieme per fare "siti interparrocchiali", aggregandosi in unità pastorali come già spesso fanno per il catechismo, e la stessa celebrazione delle S. Messe a rotazione.

Anche la Messa può essere trasmessa via Internet, per agevolare la fruizione ad anziani e malati, ma mai in differita, perché anche a distanza deve rimanere una partecipazione a un evento celebrato realmente in quel momento.

Sempre in questo documento si invitano i seminari a introdurre nei programmi per i futuri sacerdoti la conoscenza dei nuovi media, il loro linguaggio e le loro tecniche, anche da un punto di vista pratico e non solo teorico, così come si invitano le Diocesi a formare degli "operatori pastorali della comunicazione", cioè dei volontai laici che lavorino accanto ai preti, ai diaconi, ai catechisti, ai volontari della Caritas per mettere al servizio della Comunità Cristiana gli strumenti della comunicazione sociale e per un lavoro di riflessione ed elaborazione e trasmissione culturale all'interno della stessa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

Luca
Aggiungo una precisazione Leggi tutto
23-11-2004 11:14

Pier Luigi Tolardo
Se posso.... Leggi tutto
23-11-2004 00:37

daniela
ma la messa in tv Leggi tutto
23-11-2004 00:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
S, ma in azienda non me lo permettono.
No.
S, ma solo alcuni giorni alla settimana.
S, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2308 voti)
Ottobre 2019
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Tutti gli Arretrati


web metrics