Inventori d'Italia: governare l'innovazione

Un manifesto per l'innovazione e la ricerca scritto da Andrea Granelli e Luca De Biase.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-12-2004]

Andrea Granelli, fondatore di Tin.it che ha portato al successo ed in seguito amministratore delegato di Telecom Italia Lab, la divisione Ricerca e Sviluppo del Gruppo Telecom Italia(ora assorbita all'interno della stessa Telecom Italia) potrebbe essere uno dei componenti di un futuro Governo di CentroSinistra, se Prodi dovesse vincere le elezioni politiche del 2006, magari con un incarico di Ministro per l'Innovazione Tecnologica, l'incarico oggi ricoperto da Lucio Stanca, già manager di primo piano di IBM Europa.

Nel caso, le cose dovessero andare così le sue intenzioni e i suoi programmi, circa lo sviluppo della ricerca e le iniziative da intraprendere per favorire l'innovazione tecnologica salvando così il Paese da un inesorabile declino, a prescindere da chi la dovrà governare nei prossimi anni, sono nero su bianco nel libro, scritto insieme al noto giornalista Luca De Biase, dal titolo "Inventori d'Italia", edito da Guerini e Associati.

"Dall'eredita del passato la chiave dell'innovazione" è il sottotitolo che esprime bene la particolarità di questo testo: si rileggono le grandi tappe storiche dell'esplosione della creatività italiana Da Roma ai giorni nostri, passando per i secoli dorati del Rinascimento. La creatività artistica, letteraria, tecnica e scientifica sono si sa le caratteristiche della civiltà italiana nel corso della storia, da cui abbiamo ereditato quel grande patrimonio artistico, quei giacimenti culturali, che insieme ai valori di gusto e di bellezza del nostro made in Italy e del nostro saper vivere, sono le risorse che l'innovazione tecnologica e la ricerca deve saper valorizzare ed accrescere, socondo Granelli.

Granelli e De Biase non sono pessimisti per questo, non vogliono abbandonarsi alla cultura del declino inarrestabile economico e sociale del Paese, fatto di continua perdita di competitività a favore dei Paesi emergenti e di invecchiamento della popolazione, ma credono anche che non basti più il buon stellone, senza una politica che coordini le forze e le energie disponibili pubbliche e private, che sappia fare rete e sistema di imprese, università e centri di ricerca, amministrazioni pubbliche orientando il Paese verso grandi progetti di sviluppo. Non bastano più i singoli inventori, i grandi talenti, per rinnovare la tradizione creativa dell'Italia senza un nuovo sforzo di intelligenza collettiva, mi sembra il messaggio che lanciano i due autori.

Nel libro vengono citate molte nuove isole di eccellenza nell'innovazione tecnologica e culturale: l'Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, estremamente innovativo, la factory multimediale di Oliviero Toscani a Pisa, il centro di produzione culturale cinematografica Fandango di Roma, la community di lettori Bombacarta.com, la scuola HoldenLab di Baricco a Torino e poi le piccole e medie aziende che si impongono sui mercati per la loro capacità innovativa dalla Geox alla Tecnogym alla Beghelli.

Per fare Rete, per far si che queste isole non rimangano slegate e casi unici ma si moltiplichino nel nostro Paese gli Autori suggeriscono alcune linee guida per la mano pubblica: unificare gli interventi per l'informatica e le Tlc e guidare la convergenza delle ICT verso le aree più utili per il Paese; sviluppare una domanda pubblica di servizi innovativi; creare una legge sul copyright che faciliti sperimentazione e innovazione sui contenuti digitali,anche con norme sperimentali che superino le attuali: lanciare politiche urbanistiche evolute basate soprattutto sul telelavoro sviluppando piani integrati urbanistica-trasporti-telelavoro.

Insomma, il liberismo da solo per Granelli non basta, difficilmente il sistema Paese ce la farà a puntare sull'innovazione solo grazie alle energie dsei privati senza che lo Stato faccia la sua parte, forse, è questa, ancora una volta, la principale differenza tra destra e sinistra.

Scheda
Titolo: Inventori d'Italia
Sottotitolo: Dall'eredità del passato la chiave per l'innovazione
Autore: Andrea Granelli con Luca De Biase
Editore: Guerini e Associati
Prezzo: 16,50 Euro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (1)

franco
creatività nel solare PV Leggi tutto
9-12-2004 09:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessitÓ.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte Ŕ bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (3390 voti)
Giugno 2020
Windows 10, il nuovo Edge ha iniziato a rimpiazzare il vecchio
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Tutti gli Arretrati


web metrics