Telecom Italia vende i servizi radiomarittimi

Telecom Italia sembra intenzionata a cedere i suoi servizi di assistenza radiomarittima.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-07-2005]

Con la nascita di Telecom Italia, nel 1994 la vecchia Sip incorporò, oltre all'ex azienda di servizi telefonici (l'Italcable), anche la Siremar, che gestiva i servizi radiomarittimi, cioè i servizi di assistenza per i naviganti, indispensabili per la sicurezza in mare.

I servizi radiomarittimi, considerati largamente in perdita, vennero più volte ristrutturati, con riduzioni di personale e concetrazioni di sedi, intanto il boom della telefonia mobile ridusse fortemente i clienti ed il traffico dalle imbarcazioni di diporto e commerciali.

Anche l'altra branca del servizio, costituita dalla telefonia satellitare, all'inizio fu trascurata da Telecom perchè considerata non profittevole e in crisi irreversibile (come in altri Paesi); l'attuale nuovo interesse dell'utenza per i telefonini satellitari vede protagonisti altri soggetti come Inmarsat e, all'interno dello stesso gruppo Telecom Italia, la Tim, che commercializza telefonini satellitari come il Thuraya.

In vista di una possibile vendita, recentemente, Telecom Italia ha rilanciato come immagine questo settore, che occupa circa 100 persone; ora sembra aver individuato un acquirente nella società romagnola Arimar, specializzata ngli apparati e sistemi di sicurezza per la navigazione, a cui verrebbe cduta l'attività per una cifra intorno ai cinque milioni di euro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
La cover che trasforma lo smartphone in un telefono satellitare

Commenti all'articolo (2)

IL DIMENTICATO
Commentare cosa ? I sindacati anzichè acclamare ed acclarare le sconfitte come fossero vittorie dovrebbero essere rimessi al loro posto. Se poi risultasse che nel pregresso, altro non era che... servizi radiomarittimi "forse" capirebbero i disagi dei lavoratori. Sulla Telecom c'è il nulla da commentare in cambio di un buon... Leggi tutto
14-9-2005 17:56

OPOCAI
UNO-DUE-TRE- VENDUTO !!! Leggi tutto
25-7-2005 18:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2532 voti)
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Pirateria, la soluzione è sospendere Telegram
Tutti gli Arretrati


web metrics