Pannella, i blog e la libertà digitale

Abbiamo incontrato Antonio Tombolini, già fondatore di Esperya e ora dirigente dei Radicali - Rosa nel Pugno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-02-2006]

Antonio Tombolini

Antonio Tombolini è una delle figure di maggiore prestigio della Rete italiana: fondatore di Esperya, azienda e-commerce specializzata nell'enogastronomico made in Italy, e uno dei primi blogger italiani.

Tombolini ha un'esperienza personale molto singolare: prima dell'impegno ai massimi livelli nella new economy, si laurea in filosofia a pieni voti e, soprattutto, diventa vicepresidente nazionale dell'Azione Cattolica, ai tempi di Rosy Bindi e Alberto Monticone, vivendo e lavorando a due passi dal Vaticano. Oggi, dopo aver assunto posizioni non in linea con quelle della Chiesa sulla fecondazione assistita, è diventato uno dei componenti della direzione nazionale dei Radicali che, insieme allo SDI, ha dato vita alla "Rosa nel Pugno".

Abbiamo intervistato Tombolini sui temi delle libertà digitali e dei rischi che corrono in Italia in questo momento.

ZN: Pensi che nel centrosinistra italiano ci sia una sufficiente coscienza dei rischi e dei pericoli per la libertà digitale in Italia e nel mondo? Vedi legge Urbani, blocco degli IP esteri, limitazioni alla privacy, digital divide fra cittadini e zone del Paese.

Tombolini: "Più che nel centrodestra sì, ma una "sufficiente coscienza" senz'altro no. Il problema non è per nulla ideologico: si tratta semplicemente della distanza, ancora abissale, che esiste tra chi detiene il potere (politico, economico, culturale) e la rete. I potenti in questo paese non sanno nulla di internet, non sanno nulla della rete, e dunque non riescono a percepire il peso reale di questi rischi. E' in parte un problema generazionale (abbiamo una delle classi politiche più vecchie), ma anche di formazione di base: la rete si presterebbe benissimo a essere strumento di formazione fin dall'infanzia, ma conosciamo la situazione della scuola a questo riguardo, fin dalla scuola materna: meglio non parlarne".

ZN: Quali sono le priorità in materia di libertà digitali che andrebbero inserite nel programma dell'Unione?

Tombolini: "Un vero e proprio "codice della navigazione" e per la tutela dei diritti in rete. Occorre affrontare in maniera organica i problemi della democrazia digitale, e occorre farlo (lo impone la materia stessa) fin da subito in un'ottica globale e trans-nazionale. A meno che non si preferisca l'anarchia di una rete che condurrebbe all'imperio del più forte (sta già accadendo) oppure, in alternativa, la pseudo-regolamentazione proibizionista e paranoica dei regimi totalitari".

ZN: Si fa un gran parlare dell'uso di Internet in questa campagna elettorale e ogni giorno c'è un leader politico che apre un blog. Tu sei stato un pioniere: quali limiti e quali potenzialità vedi in questa nuova stagione del rapporto internet-politica?

Tombolini: "Le potenzialità sono enormi: se uno dei problemi della politica (forse "il" problema) è il distacco abissale e crescente tra la politica dei potenti (il suo linguaggio, i suoi luoghi, i suoi riti) e i cittadini, è evidente che la rete e in particolare i blog potrebbero costituire un luogo formidabile di incontro. Ma qui torniamo al primo punto: i vip della politica non conoscono la rete. La deridono, e allo stesso tempo ne hanno paura. Accade così che alla vigilia di una campagna elettorale arrivi un consulente furbo e dica al politico di turno che avere un blog "va di moda", dimenticando di dirgli che un blog non aggiornato o - peggio - scritto da altri può solo recar danno. Il problema, per la verità, esiste anche in casa radicale, dove siamo abituati alla trasparenza e al rapporto diretto, ma ancora non viene percepita la reale potenzialità dell'esserci personalmente in rete".

ZN: E nel vostro movimento?

Tombolini: "Da almeno un anno sto letteralmente tormentando Daniele Capezzone perché si decida ad aprire un blog: sono certo che ne farebbe uno dei luoghi della politica più importanti e più frequentati della rete. Ma lui niente: la risposta è sempre quella, "sì, sarebbe bello, lo faremo, ma non ho tempo". Chi risponde "non ho tempo", evidentemente, considera altri impegni modi e forme della comunicazione prioritari rispetto a questo. Secondo me sbaglia (ma lo stesso discorso vale per Pannella, Bonino, ecc., tutta gente abituata a dialogare direttamente con cittadini ed elettori, veri e propri "animali da blog", insomma), ma chissà, magari leggendo Zeus News ;-)"

ZN: E tu? Quali iniziative stai portando avanti sul rapporto Internet - politica?

Tombolini: "A fine agosto scorso ho fondato, con un amico senese, Andrea Vecoli, una associazione politica telematica, Lievito Riformatore che ha la sua sede in un blog. Ha il suo manifesto, uno statuto, vota documenti ufficiali, ecc. Tutto online. Conta oggi 41 aderenti, che pagano ciascuno, via Paypal, la quota associativa annuale di 5 euro. Quando qualcuno mi chiede cos'è, io rispondo che è un esperimento di "nuova politica" (Cluetrain applicato alla politica, contro la politics-as-usual)".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa manca nel tuo notebook attuale e vorresti che fosse presente? Aggiungi eventualmente la risposta nei commenti.
Una maggiore risoluzione del display
L'uscita VGA
Un processore pi¨ veloce
Pi¨ memoria Flash
La possibilitÓ di utilizzare una batteria pi¨ capace
La porta LAN
Almeno una porta USB supplementare o una USB 3.0
Pi¨ memoria RAM
Il touchscreen

Mostra i risultati (1911 voti)
Maggio 2024
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Enel nel mirino dell'Antitrust per le bollette esagerate
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 maggio


web metrics