Troppo poco trasparenti i gestori mobili

Un'indagine fa emergere come i gestori di telefonia mobile italiani debbano ancora crescere in fatto di trasparenza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-06-2006]

Foto di Dain Hubley

Tim, Tre, Wind e Vodafone devono fare ancora non pochi passi avanti sulla strada della trasparenza verso i consumatori. Lo dimostra un'indagine di Altroconsumo fatta sul campo.

Uno dei punti deboli è la cosidetta number portability, cioè la possibilità per il cliente di cambiare gestore mantenendo il numero telefonico del telefonino. "Nella metà dei casi non è stata fornita alcuna documentazione e, punto più dolente, non è stata data al cliente alcuna certezza riguardo alla data di passaggio da un operatore all'altro con il rischio di perdere il credito residuo della vecchia Sim. Al momento della richiesta di portabilità i rivenditori non sono stati in grado di dire al cliente quale sarebbe stata la data effettiva del passaggio del numero telefonico. La situazione peggiore registrata da Altroconsumo si è verificata con la domanda di portabilità del numero da Tim a Tre: sono passati tre mesi e mezzo dalla richiesta di attivazione al passaggio effettivo di operatore".

Un altro elemento di criticità è il rispetto della privacy: "Due terzi dei rivenditori hanno fatto firmare documentazioni incomplete e informato in modo scarso sull'utilizzo dei dati personali. L'esempio peggiore è capitato in un punto vendita MondoWind di Milano, dove i dati personali dell'incaricato di Altroconsumo, cui era stato chiesto di attivare una Sim, sono stati utilizzati senza alcuna autorizzazione per attivare irregolarmente anche un'altra utenza a uno sconosciuto. Altroconsumo ha denunciato il caso alla Polizia Postale e delle Telecomunicazioni per evitare che la responsabilità, in caso di utilizzo illegale, ricadesse sull'intestatario della carta".

Altroconsumo, in base anche alle risultanze dell'indagine ha chiesto all'Authority per le Comunicazioni di introdurre l'obbligo per il gestore di fornire tempi certi e brevi per la portabilità del numero oltre alla possibilità per il cliente, oggi non prevista, di trasferire al nuovo gestore il credito residuo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

niente tempi certi purtroppo Leggi tutto
26-6-2006 13:32

{sebastiano}
5 mesi bastano? Leggi tutto
26-6-2006 08:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1379 voti)
Luglio 2024
La Marina tedesca cerca una soluzione per sostituire i floppy da 8 pollici
WhatsApp, arriva la trascrizione automatica dei messaggi vocali
10 miliardi di password rubate e pubblicate in chiaro
Copilot si aggiorna e diventa inutile
La super SIM cinese con processore RISC-V
Giugno 2024
Tim al capolinea: dal 2 luglio la Rete non sarà più sua
Gli USA mettono al bando Kaspersky
Windows 11, l'ultimo aggiornamento è infestato da bug
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 luglio


web metrics