Musica libera? No, sponsorizzata

Dopo Universal, anche EMI firma. Guadagna punti l'idea balzana di distribuire musica digitale gratuita con la pubblicità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-09-2006]

Un immagine del cantante degli U2 affiancato dal s

SpiralFrog è un progetto che intende offrire agli utenti musica gratis, raccogliendo presso gli inserzionisti quanto basta a placare gli appetiti delle major.

Dopo l'annuncio della scorsa settimana dell'accordo con Universal, in questi giorni è circolata la notizia che anche il gruppo EMI sarà della partita.

A fine 2006 si prevede che SpiralFrog possa fornire ai visitatori Usa accesso gratuito a tutta la musica distribuita dalle due maggiori major mondiali. Non è ancora chiaro se EMI firmerà un contratto biennale, come nel caso della concorrente Universal.

Molti organi di stampa hanno salutato l'operazione con plauso, sottolineando che si tratta di un archivio di musica "libera" enorme e molto popolare. L'errore è evidente: non si tratta di libero accesso, ma di accesso sponsorizzato.

È inevitabile: ciò che le major non recupereranno dagli utenti, dovrà essere raccolto dagli sponsor, per cui è prevedibile un catalogo ridotto e molto "popolare" (nel senso deleterio del termine), e una pubblicità martellante e invasiva.

Per capire cosa potrebbe succedere, basta guardare l'abisso in cui è piombata la TV commerciale italiana (che a onor del vero, si è trascinata dietro il servizio pubblico RAI), in termini di contenuti o di discrezione dei messaggi pubblicitari.

A rincarare la dose, SpiralFrog distribuirà i propri brani protetti dal pesante Digital Rights Management di Microsoft, il sistema poliziesco di limitazioni di utilizzo. Ciò impedirà, tra le altre cose, l'ascolto della musica attraverso l'iPod.

Non è finita: la musica scaricata non potrà nemmeno essere masterizzata su CD musicali. Davvero non si riesce a capire che attrattiva potrà esercitare sugli utenti Internet questo tipo di offerta.

L'accordo prevede anche la fornitura agli utenti di testi e spartiti, per cui iniziano a chiarirsi le motivazioni delle recenti azioni legali nei confronti di siti amatoriali che diffondevano parole e tavolature dei brani più popolari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cosa hai fatto almeno una volta nella vita in una cabina telefonica?
Mi sono spogliato e cambiato.
Ho fatto pipė.
Ho fatto l'amore (con un uomo, una donna o da solo).
Mi sono limitato a ripararmi per la pioggia.
Ho telefonato, ma usando il cellulare.
Ho fatto degli scherzi telefonici rimanendo anonimo.
Da teppista l'ho danneggiata.
Ho telefonato senza pagare.
Ho fatto delle banali telefonate, niente di pių.

Mostra i risultati (4196 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics