Chiuderanno tremila phone center

Dal 22 marzo una legge regionale porterà alla chiusura di circa 3.000 posti telefonici pubblici; ma si tratta di una grave limitazione del diritto costituzionale alla comunicazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-03-2007]

Circa 700 phone center nella sola Milano, 3000 nell'intera Lombardia, in tutto circa 10.000 persone, prevalentemente immigrate che rischiano di non poter più vivere con le loro famiglie e di non vedersi rinnovato il permesso di soggiorno.

Sono queste le dimensioni della chiusura in massa, a causa dell'entrata in vigore delle nuove regole (praticamente inapplicabili per obblighi di spazi e servizi igienici obbligatori) per i "phone center", i punti telefonici pubblici, spesso dotati di postazioni Internet, frequentati prevalentemente (ma non solo) da immigrati extracomunitari, che in questi posti possono telefonare a tariffe agevolate, inviare fax, e-mail e spesso fanno da punti per il "money transfer", il trasferimento (legale) delle rimesse degli immigrati alle loro famiglie di origine.

Si tratta di un provvedimento difficilmente interpretabile fuori da una logica xenofoba, come quella che punta a chiudere moschee e scuole islamiche, che anima la giunta regionale di centrodestra che ha emanato la legge e che si abbatte su un settore di attività commerciali legali rovinandolo, cosa che fa a pugni con le istanze liberiste e proimprenditoriali della destra italiana. Fa a pugni anche con la volontà di rendere la città di Milano sempre più turistica, con ampia possibilità di comunicare per gli ospiti stranieri.

Contro questo provvedimento il Tar lombardo ha sollevato un'eccezione di costituzionalità davanti alla Corte Costituzionale ritenendolo "esagerato" e alcuni gestori di phone center stanno praticando da giorni uno sciopero della fame.

Si tratta anche di un provvedimento discutibile sotto il profilo dell'ordine pubblico e della sicurezza: gli immigrati continueranno a telefonare ma in modo clandestino, affidandosi a organizzazioni al limite o decisamente fuori dalla legalità, senza controlli fiscali e di polizia.

Si tratta della prima volta che una Regione utilizza i nuovi poteri in materia di diritto alla comunicazione e lo fa allontanandosi dallo spirito costituzionale che garantisce la più ampia libertà di comunicazione per tutti, a prescindere dalle condizioni sociali e dal fatto di essere o meno cittadini italiani.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Scelta politica, non amministrativa/esecutiva Leggi tutto
27-3-2007 11:47

Non vorrei pignoleggiare e andare completamente OT, ma direi che anche le leggi regionali sono provvedimenti amministrativi, assunti sulla base di poteri che derivano dalla Costituzione. Infatti le "leggi" regionali mancano del requisito tipico della legge che è quello delle generalità e dell'astrattezza, restringendosene... Leggi tutto
27-3-2007 01:26

A disposizione dei clienti/del pubblico? Mi pare che quest'obbligo ci sia solo per bar / ristoranti / trattorie / tavole calde / pizzerie / birrerie / alberghi / ecc. Conosco negozi che non hanno neppure il bagno per il negoaziante (c'è un solo bagno in comune nel corteil per tutti i negozianti -e magari laboratori, garage, officine,... Leggi tutto
24-3-2007 22:55

{Stefano}
Le regole sono regole.. Leggi tutto
24-3-2007 21:54

Quelli li hanno fatti per motivi idrogeoligici, ossia x evitare l'ulteriore abbassamento della falda con problemi di staticità del Duomo ;-) (cfr: Battaglia, "Lettere al Direttore") Fuori dallo scherzo, 'sta storia dei gabinetti mi ricorda molto quella dell'abolizione dei macelli privati; prima, tutti a gridare allo scandalo... Leggi tutto
23-3-2007 23:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2049 voti)
Marzo 2021
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 marzo


web metrics